LA “SCOMPARSA” DELLA LIMITATA RESPONSABILITA’ DEGLI AMMINISTRATORI NELLE SOCIETA’ DI CAPITALI.

 L’art. 378 del c.d. Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza ha modificato e integrato la disciplina dettata, in particolare, da due articoli del Codice civile: l’art. 2476 e l’art. 2486. La riforma interviene, intaccando sensibilmente – se non, secondo alcuni interpreti, eliminando del tutto – l’autonomia patrimoniale perfetta delle società di capitali ed estendendo, in via diretta e solidale agli amministratori, la responsabilità del danno arrecato ai creditori per la mancata conservazione dell’integrità del patrimonio sociale. Approfondiremo, in questo primo articolo sul punto, la portata e le conseguenze delle modifiche introdotte all’art. 2476 c.c..

 

  1. Gli obblighi in capo agli amministratori

Il nuovo comma 6 all’art. 2476 c.c. impone, in capo agli amministratori di s.r.l. e di s.p.a., uno stringente dovere di prevedere adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili, dalla cui inosservanza deriva una responsabilità – diretta e personale – nei confronti sia della società sia, laddove ne derivi la compromissione del patrimonio societario, dei creditori sociali.  

Pertanto, ai fini dell’individuazione della responsabilità degli amministratori, i giudici sono ora chiamati ad esprimersi sull’adeguatezza organizzativa, più che sulle condotte esteriori poste in essere, come avveniva in passato. Tuttavia, il tribunale non potrà operare un sindacato di merito quanto alla convenienza delle scelte gestorie, ma potrà accertare il corretto svolgimento del processo decisionale seguito dagli amministratori.  

Gli amministratori, quindi, saranno esonerati da responsabilità, laddove dimostrino di essere esenti da colpa e ove abbiano manifestato il proprio dissenso rispetto all’operazione, potenzialmente dannosa, compiuta da altri amministratori.  

 

 

  1. L’azione di responsabilità esperibile anche dai creditori sociali

L’inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell’integrità del patrimonio sociale costituisce il presupposto per l’esercizio dell’azione di responsabilità, la cui esperibilità è attribuita oggi anche ai creditori sociali. A tal fine, il creditore sociale dovrà fornire prova della concorrenza di tre presupposti:  

  • il pregiudizio patrimoniale, costituito dall’insufficienza del patrimonio sociale a soddisfare le rispettive ragioni di credito; 
  • la violazione da parte dell’amministratore degli obblighi, sullo stesso incombenti, relativi alla conservazione del patrimonio sociale; 
  • il rapporto di causalità tra pregiudizio e condotta.

Per la situazione di insufficienza del patrimonio sociale, conseguenza della mala gestio dell’amministratore, è sufficiente la violazione degli obblighi incombenti sull’amministratore. 

La norma in parola, pertanto, con l’introduzione di tale autonoma azione, presuppone che l’oggetto della pretesa del creditore sociale coincida con il diritto vantato dal medesimo nei confronti della società e rimasto insoddisfatto. L’amministratore sarà, quindi, aggredibile da parte di ciascuno dei creditori rimasti insoddisfatti e la sua responsabilità commisurata al danno patito dai creditori in conseguenza dell’insufficienza del patrimonio della società. 

 

  1. Una recente sentenza del Tribunale di Firenze

Il Tribunale di Firenze, con una recente sentenza del 21.12.2021, ha condannato gli amministratori di una s.r.l., riconoscendo la responsabilità di questi ultimi nei confronti dei creditori sociali per aver omesso il versamento di imposte, per aver indebitamente proseguito l’attività di impresa e per aver stipulato un mutuo, che ha trasformato un debito chirografario in debito privilegiato.  

La decisione è scaturita dalla presenza di indici di impresa negativi e, in particolare, dalla condotta degli amministratori, i quali avrebbero utilizzato i pochi introiti per fini differenti dalla conservazione del patrimonio sociale.  

In tale prospettiva, il Tribunale ha riconosciuto che la società non volgeva in uno stato di crisi tale da rendere impossibile il pagamento dei debiti, ma che, piuttosto, la causa dell’insufficienza del patrimonio sociale dipendeva dalla mancata attuazione, da parte degli amministratori, di scelte gestorie volte al risanamento e alla riorganizzazione della società, tali da mantenere la dimensione funzionale dell’impresa.  

 

Autore Avv. Francesco Marabeti

 

IL MOBBING SUL LAVORO: COS’E’ E QUANDO PUO’ ESSERE RISARCITO.

Il mobbing: definizione

 

Come è noto, il termine mobbing è oggi diffusamente utilizzato nell’ambito lavorativo per indicare un attacco ripetuto e continuato con finalità persecutoria contro una persona e/o un gruppo di persone da parte del datore di lavoro, dei superiori o di pari grado.

 

Le condotte mobizzanti possono consistere in:

  • Attribuzione di compiti esorbitanti o eccessivi, e comunque tesi a produrre disagi in relazione alle condizioni fisiche e psicologiche del lavoratore; di compiti dequalificanti; o processi di marginalizzazione rispetto ad iniziative di aggiornamento professionale;
  • Impedimento sistematico ed immotivato a condividere informazioni utili all’attività lavorativa;
  • Pressioni o molestie psicologiche;
  • Critiche immotivate ed atteggiamenti ostili;
  • Esercizio esasperato ed eccessivo di forme di controllo nei confronti del lavoratore mediante l’avvio di procedimenti disciplinari pretestuosi.

 

Chi sono le persone coinvolte

 

Le persone coinvolte nel processo e nella strategia mobizzante sono essenzialmente tre:

  • Il mobizzato – la vittima – che subisce tali comportamenti sino ad essere isolato, nonché spesso incompreso e solo di fronte al suo “persecutore”;
  • Il mobber – l’aggressore – che mette in atto l’attività vessatoria da solo o assieme ad altri;
  • il co-mobber – lo spettatore – che coincide con coloro che pur non essendo coinvolti direttamente nel processo di mobbing, lo percepiscono, non si oppongono e non si attivano per porvi fine, contribuibuendo indirettamente al mantenimento dell’azione vessatoria.

 

 

I riferimenti normativi

 

Il fenomeno del mobbing trova la sua disciplina in due provvedimenti normativi:

  • il d. lgs. n. 215/2003, attuativo della direttiva 2000/43/CE, per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica;
  • il d.lgs. n. 216/2003, attuativo della direttiva 2000/78/CE, per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro a prescindere dalla religione, dalle convenzioni personali, dagli handicap, dall’età o dall’orientamento sessuale.

 

Il maggiore apporto interpretativo lo ha tuttavia offerto la giurisprudenza, che ha creato un vero e proprio “codice” delle condotte mobizzanti. L’apporto dei giudici ha infatti consentito, ad esempio:

  • di distinguere il mobbing dal demansionamento (vale a dire tra la condotta illecita ed il mancato rispetto dell’obbligo del datore di lavoro di adibire il lavoratore alle mansioni per le quali è stato assunto o a mansioni equivalenti, ai sensi dell’art. 2103 Cod. Civ.);
  • di delimitare gli oneri probatori a carico del lavoratore;
  • di tipizzare le varie forme di mobbing;
  • e di individuare il danno conseguente all’aver subito una strategia mobizzante.

 

L’onere della prova

 

Tra le tante pronunce sul tema, si menziona quella della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n. 6572/06 che ha riconosciuto la sussistenza del danno esistenziale come un’autonoma e legittima categoria giuridica in seno all’art. 2059 Cod. Civ. qualificandola come. «Ogni pregiudizio (di natura non meramente emotiva ed interiore, ma oggettivamente accertabile) provocato sul fare areddituale del soggetto, che alteri le sue abitudini e gli assetti relazionali propri, inducendolo a scelte di vita diverse quanto all’espressione e realizzazione della sua personalità nel mondo esterno».

A ciò si aggiunga che con la sentenza in esame, le Sezioni Unite, chiamate a decidere su quale parte processuale – ricorrente o resistente – incomba l’onere della prova relativamente al danno non patrimoniale conseguente da demansionamento e/o dequalificazione, hanno statuito che l’onere probatorio è a carico della parte ricorrente. Il riconoscimento del diritto del lavoratore al risarcimento del danno professionale, biologico e esistenziale che ne deriva – non ricorrendo automaticamente in tutti i casi di inadempimento datoriale – non potrà dunque prescindere da una specifica allegazione, nel ricorso introduttivo del giudizio, sulla natura e sulle caratteristiche del pregiudizio medesimo.

 

In conclusione

 

Il danno esistenziale – da intendersi come ogni pregiudizio (di natura non meramente emotiva ed interiore, ma oggettivamente accertabile) provocato sul fare areddituale del soggetto, che alteri le sue abitudini e gli assetti relazionali propri, inducendo a scelte di vita diverse quanto alla espressione e realizzazione della sua personalità nel mondo esterno – va dimostrato in giudizio:

  • sia per il tramite delle prove documentali e/o testimoniali;
  • sia attraverso la c.d. prova per presunzioni, per cui dalla complessiva valutazione di precisi elementi dedotti – (caratteristiche, durata, gravità, conoscibilità all’interno ed all’esterno del luogo di lavoro della operata dequalificazione, frustrazione di precisate e ragionevoli aspettative di progressione professionale, eventuali reazioni poste in essere nei confronti del datore comprovanti la avvenuta lesione dell’interesse relazionale, effetti negativi dispiegati nella abitudine di vita del soggetto) – si possa, attraverso un prudente apprezzamento, coerentemente risalire al fatto ignoto, ossia all’esistenza del danno, facendo ricorso, ex 15 del codice di procedura civile, a quelle nozioni generali derivanti dall’esperienza.

 

stefano ponte Autore Avv. Stefano Ponte

LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE COME STRUMENTO DI TUTELA IMMEDIATA DEI DIRITTI AI TEMPI DELLA PANDEMIA.

Il diffondersi del virus Covid19 ed il conseguente stato pandemico hanno imposto alle Istituzioni di adottare provvedimenti sempre più tassativi, che hanno inciso in maniera significativa sui diritti e sulle libertà dei cittadini, portando alla sospensione totale o parziale di molte attività sia dei singoli sia delle imprese. 

Da un punto di vista strettamente giuridico, tale situazione ha determinato un aumento del rischio di inadempimenti contrattuali, soprattutto in tema di rapporti di durata, ed al conseguente inevitabile ricorso alla giustizia civileche rischia di paralizzarsi proprio a fronte dell’insorgenza di numerosi contenziosi. 

Di fronte a tale scenario, ha assunto rilievo l’adozione sempre più frequente dei c.d. strumenti alternativi di risoluzione delle controversie, come la c.d. procedura di mediazione, che consente, da un lato, la tutela dei diritti e degli interessi di persone fisiche e giuridiche ed in tempi più brevi rispetto a quelli della giustizia civile e, dall’altro, evita un sovraccarico del sistema giudiziario. La stessa Ministra della Giustizia Marta Cartabia, in occasione della propria relazione alle commissioni giustizia di Camera e Senato del 15 e 18 Marzo 2021, ha evidenziato come le forme alternative di risoluzione dei conflitti producono effetti virtuosi di alleggerimento dell’amministrazione della giustizia”. 

 

I vantaggi della procedura di mediazione.  

 

Tra i motivi di successo della procedura di mediazione ci sono sicuramente il ruolo di un Mediatore quale soggetto terzo ed imparziale rispetto alle parti, i costi più contenuti rispetto a quelli giudiziali ed immediatamente consultabili dai tariffari ministeriali, e la possibilità di raggiungere un accordo, avente peraltro valore di titolo esecutivo, in tempi realisticamente più brevi rispetto a quelli di un processo. 

A titolo esemplificativo, si consideri che, con l’inizio della pandemia, in conseguenza delle misure restrittive dettate per far fronte all’emergenza sanitaria, molte prestazioni contrattuali sono divenute eccessivamente onerose, rendendo in molti casi “impossibile” il corretto adempimento delle stesse. In tali ipotesiè possibile, in luogo della risoluzione del contratto, rinegoziarne i termini, non avviando necessariamente un giudizio, ma percorrendo una procedura alternativa e più breve quale quella della mediazione. 

 

La mediazione durante la pandemia. 

 

Idecreto-legge n. 28/2020, convertito in legge n. 70/2020, ha introdotto in tema di mediazione particolari novità, sancendo l’obbligatorietà del preventivo esperimento della procedura di fronte a violazioni di obbligazioni contrattuali conseguenti al COVID-19In tal modo, il Legislatore ha previsto un ampliamento delle materie per cui il previo esperimento della procedura di mediazione costituisce condizione di procedibilità della domanda. 

Con il predetto intervento normativo è stato altresì previsto che, con il consenso preventivo delle parti, gli incontri di mediazione possano svolgersi mediante sistemi di videoconferenza. L’avvocato, che sottoscrive con firma digitale, può dichiarare autografa la firma della parte assistita collegata da remoto e apposta in calce al verbale e all’accordo di conciliazione. Tale accordo, munito di sottoscrizione digitale del mediatore e degli avvocati delle parti, costituisce titolo esecutivoIl mediatore, dopo aver apposto la propria sottoscrizione digitale, è tenuto a trasmettere l’accordo così formato, tramite posta elettronica certificata, agli avvocati delle partiIn tali casi l’istanza di notificazione dell’accordo di mediazione può essere trasmessa all’ufficiale giudiziario mediante l’invio di un messaggio di posta elettronica certificata.  

 

La mediazione come risposta alla richiesta di celerità nel diritto. 

 

In conclusione, anche alla luce delle novità introdotte con il predetto decreto, si ritiene che il ricorso alla procedura di mediazione ed agli altri strumenti di risoluzione alternativa delle controversie possa soddisfare concretamente il bisogno di immediatezza di tutela dei diritti, che più che mai in tale momento storico è avvertito da molti soggetti giuridiciCome rilevato dalla Ministra Marta Cartabia, in occasione della richiamata relazione alle commissioni giustizia di Camera e Senatooccorre osservare che le soluzioni negoziali e di mediazione si renderanno tanto più necessarie nel contesto attuale, in cui gli effetti economici della pandemia stanno determinando forti squilibri nei rapporti giuridici esistenti. La giustizia preventiva e consensuale rappresenta una strada necessaria per il contenimento di una possibile esplosione del contenzioso presso gli uffici giudiziari quando cesseranno gli effetti dei provvedimenti che bloccano gli sfratti, le esecuzioni, le procedure concorsuali, i licenziamenti, il contenzioso bancario, ad esempio”. 

 

avv. graziella lapenta Autrice Avv. Graziella Lapenta

Le reti di imprese: “coopetition” contro la crisi

Il perdurare dell’emergenza sanitaria continua a mettere a dura prova l’economia italiana, costituita principalmente da piccole e medie imprese, spesso troppo poco strutturate per affrontare l’instabilità economica e finanziaria derivante dalla pandemia.
Per sopravvivere nell’attuale panorama, diventa, quindi, fondamentale individuare strumenti in grado di stimolare la produttività e la crescita. Tra questi, l’ordinamento italiano mette a disposizione un sistema di collaborazione imprenditoriale chiamato contratto di rete.  

 

Cos’è la rete tra imprese 

La disciplina del contratto di rete è contenuta nell’art. 3 comma 4 ter D.L. n. 5/2009, convertito con L. n. 33/2009 s.m.i.il quale lo definisce come un accordo stipulato tra due o più imprese, non necessariamente con sede nello stesso territorio, finalizzato a creare una rete di cooperazione e reciproca collaborazione per lo svolgimento di una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali, allo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la capacità innovativa e la competitivi sul mercato.
Più in dettaglio, si tratta di un contratto con il quale le imprese partecipanti stabiliscono, sulla base di un comune programma di rete, obiettivi strategici, diritti ed obblighi reciprocil’organizzazione interna della rete, incluse le modalità di adesione di future imprese, e le regole per l’assunzione delle decisioni su aspetti di interesse condiviso, pur mantenendo ciascuna la propria autonomia e la propria indipendenza giuridica ed economica.  

 

Uno strumento elastico ed adattabile alle esigenze concrete degli imprenditori 

Uno dei principali punti di forza di questo strumento è la sua elasticità, in quanto consente di graduare l’intensità del legame che sorge tra le imprese aderenti sulla base delle loro esigenze specifiche.
Le partecipanti, infatti, possono optare per un vincolo più “leggero”, costituendo una rete non dotata di soggettività giuridica (c.d. rete-contratto), con la facoltà di istituire un organo comune di gestione (dotato o meno del potere di rappresentanza) ed un fondo patrimoniale comune.
In alternativa, possono scegliere per un vincolo più “pesante”, creando un nuovo soggetto giuridico, (è il caso della c.d. rete-soggetto) oppure optando per forme di fusione aziendale.
In particolare, la fattispecie della rete-soggetto si configura stipulando il contratto di rete nella forma dell’atto pubblico, della scrittura privata autenticata o per atto firmato digitalmente e conferendo alla  rete soggettività giuridica autonoma, con l’iscrizione nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese; in tale ipotesi, l’istituzione del fondo patrimoniale e dell’organo comune è obbligatoria 

 

Perché la rete 

Il network di imprese è un’alleanza che realizza in concreto il proverbio “l’unione fa la forza”.
I vantaggi derivanti dall’adozione di questo modo di fare impresa sono numerosi, soprattutto nella realtà italiana (caratterizzata da imprese di piccole dimensioni, la cui competitività spesso risiede nel know how altamente specializzato), ed ancor più apprezzabili alla luce dell’attuale situazione emergenziale.
La cooperazione non preclude la competitività, anzi la favorisce.
Attraverso la condivisione di informazioni, prestazioni di natura industriale, tecnica o tecnologica e processi produttivi, le imprese completano le reciproche produzioni e forniscono un importante contributo innovativo alle altre.
In questo modo, le p.m.ipossono presentarsi sui mercati globali come soggetti più forti, essendo percepite quasi come un’entità unitaria, senza però rinunciare alla loro autonomia ed indipendenza.
Acquistando un maggior peso economico e contrattuale, possono aprirsi a nuovi mercati, accedere con più facilità al credito, partecipare a bandi regionali, nazionali ed internazionali e sviluppare economie di scala con una produzione in crescita, ma ad un minor costo.
Stimolo alla rete di imprese sono, inoltre, le agevolazioni fiscali e gli incentivi amministrativi, oltre che la possibilità di avviare progetti di ricerca e sviluppo anche in un’ottica di un’economia più green e sostenibile.  

 

Le novità introdotte dalla normativa “anticovid 

Le numerose opportunità offerte dall’istituto in commento per far fronte all’emergenza pandemica sono state colte dal Legislatore, il quale ha introdotto, con l’art. 43 bis della L. n. 77/2020 (Legge di conversione del c.d. Decreto Rilancio) e con l’art. 12 del D.L. n. 183/2020 (c.d. Milleproroghe), alcune novità in tema di contratto di rete con causale di solidarietà.
In breve, per gli anni 2020 e 2021, il contratto di rete può essere stipulato per favorire il mantenimento dei livelli di occupazione delle imprese di filiere colpite dalla crisi economica conseguente alla pandemia
In tali ipotesi, alle imprese retiste è data la possibilità di fare ricorso agli istituti del distacco e della codatorialità per lo svolgimento di prestazioni lavorative presso le altre aziende partecipanti alla retegarantendo così il mantenimento dei livelli occupazionali. 

 

 

avv. Luna Ambrosino Autrice Luna Ambrosino

 

  Autrice Giulia Ponte

Marketing e Comunicazione: come rispettare la privacy?

Il nuovo evento in diretta Facebook tratterà il mondo del marketing e della comunicazione.
Parleremo del marketing e la compliance al GDPR: principi giuridici, casi pratici, i punti di contatto trai due ambiti e le sanzioni.

 

Un confronto al quale potrete partecipare con domande via chat.

Mercoledì 18 novembre 2020 alle ore 18.00 in diretta sulla pagina Facebook di Lexchance

Introduzione ai lavori il presidente di CDVM Antonio De Carolis.

Relatori del webinar:

In collaborazione con Fweb Group.

Condividi sui social!

 

marketing e comunicazione

Quali sono le prospettive per le piccole e medie imprese in crisi?

Emergenza COVID-19: quali prospettive per le piccole e medie imprese in crisi?

 

Lo stato di crisi sanitaria da cui siamo stati travolti porta con sé, inevitabilmente, una serie di conseguenze nefaste anche sul piano economico, soprattutto per quello che concerne le piccole e medie imprese.
E’ infatti evidente che il blocco di numerosissime attività produttive, sancito dal Presidente del Consiglio dei Ministri con il DPCM del 22 marzo 2020, sta determinando una crisi di liquidità per le imprese nonché un crollo della domanda in moltissimi settori.
Occorre domandarsi cosa accadrà quando le medesime attività riapriranno i battenti e, pertanto, saranno chiamate a fare i conti con il proprio nuovo posizionamento sul mercato, la probabile necessità di rivedere l’organizzazione interna e l’esigenza di far fronte ad una serie di impegni economici, assunti in tempi e con prospettive molto diverse.
Il panorama che si preannuncia potrebbe essere quello di un considerevole numero di imprese insolventi e decotte, le quali, in base alla normativa vigente, sarebbero tenute ad avviare procedure di liquidazione e/o di ristrutturazione nell’interesse dei creditori e degli stakeholders o, nelle situazioni più gravi, a presentare istanza di fallimento.
Tali strumenti tradizionali, sebbene siano senz’altro utili in condizioni ordinarie di mercato, potrebbero risultare tuttavia inefficaci in una situazione di crisi ed insolvenza di portata globale come quella che stiamo vivendo oggi.

 

Alcune proposte concrete: sospendere le procedure concorsuali e “ibernare” le PMI

 

Sul punto, infatti, un recente studio della Conference of European Resctructuring and Insolvency Law (CERIL) suggerisce, tra le misure da attivare per evitare che l’improvvisa crisi di liquidità generalizzata si tramuti in una catena incontrollata di procedure concorsuali, la sospensione dei doveri legislativi di accesso a procedure di insolvenza nonchè l’adozione di norme che consentano di “ibernare” le piccole e medie imprese che presentano insufficienti flussi di cassa come conseguenza delle misure anti Covid-19, ad esempio mediante un rinvio delle scadenze contrattuali relative ai pagamenti ed una moratoria delle azioni esecutive dei creditori insoddisfatti.

 

Le misure già adottate in Italia

 

Allo stato attuale, il legislatore italiano ha adottato alcune misure in linea con lo studio del CERIL, come la sospensione dei procedimenti civili e penali, comprese le procedure esecutive (attualmente sospesi fino al 15 aprile 2020 per effetto del DL 18/2020), facendo salva la possibilità di chiedere la dichiarazione di urgenza nei casi in cui la ritardata trattazione “può produrre grave pregiudizio alle parti e quindi ai creditori” (art. 83 co. 3 lett. a).
Inoltre, con il DL 2 marzo 2020 n. 9 (art. 11), ha rinviato di 6 mesi (con conseguente entrata in vigore, quindi, al 15 febbraio 2021) gli obblighi di segnalazione della crisi d’impresa, previsti dal Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza D.Lgs. 14/2019, a carico degli organi di controllo e dei revisori legali nonché dei creditori pubblici qualificati.
Tali misure, sebbene opportune e rispondenti ad esigenze concrete ed attuali, paiono, tuttavia, ancora parziali e non sufficienti a far fronte alla situazione nella sua complessità.

 

Altri possibili fronti su cui intervenire

 

E’ auspicabile, quindi, l’adozione di provvedimenti dotati di maggiore impatto, come appunto quelli suggeriti dal CERIL e, peraltro, già assunti da parte di alcuni Stati (ad esempio Spagna, Germania e Svizzera); altre possibili misure, per quanto riguarda il nostro Paese, potrebbero essere la sospensione degli obblighi di ricapitalizzazione delle società, il rinvio tout court dell’entrata in vigore del Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza e la previsione di contributi a fondo perduto in luogo dei finanziamenti agevolati già stanziati dal DL 18/2020, che, per quanto utili nel breve periodo, potrebbero rivelarsi dannosi nella misura in cui l’indebitamento delle PMI dovesse subire un incremento insostenibile.
Solo con l’adozione in tempi rapidi di una normativa di settore completa ed esaustiva sarà possibile aiutare concretamente le imprese italiane a superare indenni la crisi e riavviare le rispettive attività non appena l’emergenza sanitaria sarà superata.

 

 

Autrice Avv. Luna Ambrosino

 

 

elena ferraris Autrice Avv. Elena Ferraris

 

 

CORONAVIRUS, LE AZIENDE RICONVERTONO LE PRODUZIONI

FOCUS: PRODUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI

Il decreto Cura Italia, DL n.18 del 17 marzo 2020 – “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e impresse connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo e soprannominato “Cura Italia” è ora in vigore.

GLI INCENTIVI

Uno degli aspetti rilevanti del decreto consiste in finanziamenti agevolati o contributi a fondo perduto destinati alle imprese produttrici di dispositivi medici e di protezione individuale. La domanda di ventilatori e respiratori per la terapia intensiva e di mascherine come le FFP2 e le FFP3, infatti, è in costante aumento e proprio per questa ragione il governo ha stanziato un fondo da 50 milioni di Euro per l’ampliamento o per la riconversione della produzione di tali dispositivi e la domanda per ottenere il finanziamento è compilabile tramite una procedura semplificata online sul sito di Invitalia. Gli aiuti di Stato sono stati autorizzati in meno di 48 ore dalla Commissione europea, in modo da consentirne un veloce utilizzo, nell’ottica di rafforzare le filiere produttive del paese e di contrastare l’emergenza Coronavirus.

DATI

L’obiettivo è il finanziamento di progetti che vanno da 200.000 a 2 milioni di Euro ed è stato impiegato un sistema di premiazione della velocità. Dal momento che i dispositivi servono urgentemente, i mutui a tasso zero destinati alla copertura del 75% del budget di spesa possono diventare a fondo perduto a seconda delle tempistiche di completamento dell’investimento.

Durante la prima giornata del procedimento online, lo scorso 26 marzo, le domande presentate sono state più di 90, mentre quelle in compilazione ma non ancora completate erano circa 350.

Finora il totale delle domande presentate è di 340, mentre quelle in compilazione sono 847. La maggioranza delle richieste arriva dal Sud e dalle Isole, circa il 50 per cento, ma il dato più interessante è quello che riguarda la tipologia delle domande: infatti solo il 23% è mirato all’ampliamento della produzione, mentre il restante 77% è destinato ad opere di riconversione dell’azienda al fine di diventare produttrice di dispositivi medici. (Dati aggionati al 31/03/2020 fonte Invitalia )

L’IMPEGNO DELLE AZIENDE

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono molte le aziende, dalle più grandi alle minori, che si sono impegnate nel sostegno allo Stato e alla popolazione nella lotta al Coronavirus, nei modi più svariati. Numerose sono state le donazioni alla sanità pubblica e alla Protezione Civile, e molti si sono adoperati per riconvertire la propria azienda in modo da fornire dispositivi medici o per crearne con stampanti in 3D.

GRANDI AZIENDE

La Siare Engineering, già azienda produttrice di ventilatori polmonari per la terapia intensiva, ha preso la decisione di annullare tutte le commesse destinate ai mercati esteri (il 90% del fatturato) per poter concentrare tutti gli sforzi sulla produzione di macchinari per l’emergenza italiana. Per aumentare la produzione dei dispositivi, l’azienda ha allungato i turni di lavoro ed è ricorsa all’aiuto di tecnici dell’esercito.

I colossi del settore automobilistico, Fca e Ferrari, insieme a Magneti Marelli metteranno i loro impianti emiliani e i loro dipendenti a disposizione della Siare per la produzione della componentistica e l’assemblaggio di nuovi respiratori polmonari necessari per i pazienti nelle terapie intensive, strategia intrapresa nei giorni scorsi anche da General Motors e Ford e ventilata anche da Tesla, che intende riaprire la sua Gigafactory di New York per produrre ventilatori polmonari appena sarà possibile.

Inoltre, molte aziende del settore tessile si sono dedicate alla produzione di mascherine. In Lombardia la Di-Bi, produttrice di abbigliamento sportivo, ha convertito completamente la produzione, per concentrarsi sulla creazione di una protezione in grado di bloccare le particelle di saliva e proteggere dal virus.

I big della moda non si sono risparmiati, con Gucci, Prada, Valentino, Ferragamo e molti altri in Toscana che hanno avviato la produzione e donazione di mascherine e camici per il personale sanitario, e il Gruppo Armani che oltre ai 2 milioni di donazioni alle strutture ospedaliere italiane e alla Protezione Civile, ha annunciato proprio il 26 marzo la conversione di tutti i suoi stabilimenti produttivi italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari impegnati a fronteggiare il COVID-19.

ALTRI ESEMPI DI SOLIDARIETA

Altre aziende, come il Fablab di Milano, hanno impiegato la loro strumentazione per la stampa in 3D per produrre componenti come il raccordo ipsilon per usare due caschi CPAP con singolo venturimetro o le Valvole di Venturi e un caso particolare è rappresentato dall’azienda Isinnova, che oltre a produrre componenti in 3D per le aziende ospedaliere, ha assistito il Dott. Favero nel brevetto di una maschera respiratoria d’emergenza riadattando una maschera da snorkeling già in commercio, nel tentativo di compensare la mancanza di maschere C-PAP ospedaliere per terapia sub-intensiva, che sta emergendo come concreata problematica legata alla diffusione del Covid-19. Le istruzioni per la produzione di tale maschera a partire da un modello di maschera per snorkeling di Decathlon è sul sito di Isinnova.

 

CERTIFICAZIONI

L’introduzione di mascherine e altri dispositivi medici prodotti da aziende non preposte però ha sollevato il problema della certificazione di conformità. Il decreto Cura Italia prevede che siano i laboratori del Tecnopolo biomedicale di Mirandola e quelli dell’ateneo di Bologna a testare le nuove mascherine facciali.

I laboratori ricevono richieste da parte di neoproduttori italiani ma anche di distributori italiani di dispositivi provenienti dall’estero e svolgono prove meccaniche e batteriologiche per determinare la conformità dei dispositivi destinati al personale medico sanitario, che devono rispettare le norme EN 14683 (performance e sicurezza) e UNI 10993 (biocompatibilità), ma anche dei dispositivi di protezione individuale di uso comune, come le FFP1, FFP2 e FFP3, che devono essere conformi alla norma EN 149.

Come previsto, i due enti sono stati sommersi dalle richieste negli ultimi giorni, soprattutto di chiarimento, ma si stanno adoperando per fornire il miglior servizio possibile, considerando che serve un minimo di otto giorni per il test di ogni prodotto.

CONCLUSIONI

Il numero di aziende italiane determinate a lavorare a fianco dello Stato per debellare l’emergenza COVID-19 cresce a vista d’occhio, tramite le attività descritte sopra, ma anche tramite donazioni economiche e di servizi preziosi. Per un’ulteriore elenco di aziende impegnate in svariati modi nella solidarietà contro il Coronavirus, clicca qui SOLIDARIETA’ CONTRO IL CORONAVIRUS

 

 

 

Carolina Tardito, autriceAutrice Carolina Tardito Baudin

Covid-19: prevenzione sui luoghi di lavoro

In data 14 marzo 2020, è stato sottoscritto dai sindacati ed associazioni di categoria il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”, che si pone l’obiettivo di evitare il blocco dell’operatività delle imprese in questa fase acuta di diffusione del coronavirus, garantendo allo stesso tempo la tutela della salute dei lavoratori.

 

Sono 13 i punti salienti.

 

  1. Informazione.

    Dovere di informazione dell’azienda verso i propri dipendenti e nei confronti di chiunque entri in azienda, circa le disposizioni delle Autorità, mediante consegna e/o affissione nel luogo di lavoro di depliants informativi circa:

  • L’obbligo di restare a casa con febbre oltre 37.5 e/o sintomi influenzali e conseguemente di allertare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria.
  • La consapevolezza e l’accettazione di non poter entrare o permanere in azienda e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo: sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, etc.
  • L’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e del datore di lavoro nel fare accesso in azienda, in particolare a mantenere la distanza di sicurezza, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene.
  • L’impegno ad informare il datore di lavoro di qualsiasi sintomo influenzale riscontrato durante lo svolgimento dell’attività lavorativa.

 

  1. Modalità di ingresso in azienda.

    Il personale, prima di entrare nella sede di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Se questa risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso, così come sarà precluso l’accesso a coloro che negli ultimi 14 giorni, abbiano avuto contatti con persone positive al Covid19 o provengano da zone a rischio.

 

  1. Modalità di accesso dei fornitori esterni.

    L’accesso di fornitori esterni deve essere regolato attraverso l’individuazione di procedure di ingresso, transito e uscita, con tempistiche e modalità predefinite. Laddove possibile, gli autisti dei mezzi di trasporto devono rimanere a bordo dei propri mezzi e non è consentito l’accesso agli uffici per nessun motivo. I trasportatori dovranno attenersi alla rigorosa distanza di un metro nello svolgimento delle attività di carico e scarico. Per fornitori/trasportatori e/o altro personale esterno occorre individuare/installare servizi igienici dedicati. E’ limitato anche l’accesso ai visitatori ad eccezione di quelli necessari (impresa di pulizie e manutenzione) che dovranno rispettare la regolamentazione aziendale.

 

  1. Pulizia e sanificazione in azienda.

    L’azienda assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago. Nel caso di presenza di una persona con COVID-19 all’interno dei locali aziendali, si procede alla pulizia e sanificazione dell’area secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute, nonché alla ventilazione dei locali. Va garantita la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse, con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti produttivi.

 

Il Decreto Legge del 17 marzo 2020, n.18, c.d. Cura Italia, prevede tra le misure volte a contrastare la diffusione del Coronavirus all’aart. 64, un credito d’imposta finalizzato alla sanificazione degli ambienti di lavoro. Il bonus sanificazione, è rivolto a soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, quindi a tutti quei datori di lavoro che sono tenuti a garantire la salubrità dei locali e degli strumenti di lavoro e sarà riconosciuto per il periodo d’imposta 2020 per una somma non superiore a 20.000 euro e fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro stanziati per l’anno in corso. Bisognerà attendere i decreti attuativi per conoscere i limiti applicativi dell’agevolazione ed eventuali restrizioni.

  1. Precauzioni igieniche personali.

    E’ obbligatorio che le persone presenti in azienda adottino tutte le precauzioni igieniche. L’azienda raccomanda la frequente pulizia delle mani e mette a disposizione idonei detergenti.

  2. Dispositivi di protezione individuale.

    Qualora l’attività lavorativa imponga una distanza interpersonale inferiore ad metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative è necessario l’uso delle mascherine e di altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici.
    E’ favorita la preparazione da parte dell’azienda del liquido detergente secondo le indicazioni dell’OMS.

  3. Gestione di spazi comuni (mensa, spogliatoi, aree fumatori, distributori di bevande e/o snack…).

    L’accesso agli spazi comuni, comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è contingentato, con la previsione di una ventilazione continua dei locali, di un tempo ridotto di sosta all’interno di tali spazi e con il mantenimento della distanza di sicurezza di 1 metro tra le persone che li occupano. Occorre provvedere alla sanificazione degli spogliatoi, nonchè alla sanificazione periodica e pulizia giornaliera con appositi detergenti dei locali mensa, delle tastiere dei distributori di bevande e snack.

  4. Organizzazione aziendale (turnazione, trasferte e smart work, rimodulazione dei livelli produttivi).

    Le imprese, limitatamente al periodo dell’emergenza Covid-19, potranno disporre la chiusura di tutti i reparti diversi dalla produzione o, comunque, di quelli dei quali è possibile il funzionamento mediante il ricorso allo smart working, o comunque a distanza. Si potrà procedere ad una rimodulazione dei livelli produttivi. Va assicurato un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti. E’ previsto l’utilizzo in via prioritaria degli ammortizzatori sociali o, se non fosse sufficiente, dei periodi di ferie arretrati e non ancora fruiti. Sono sospese e annullate tutte le trasferte e i viaggi di lavoro nazionali e internazionali, anche se già concordati o organizzati e altresì non sono consentite neanche le riunioni ad eccezione di quelle urgenti ma con un numero ridotto di persone e a un metro di distanza interpersonale.

  5. Gestione dell’ingresso-uscita dei lavoratori.

    Orari di ingresso/uscita scaglionati dei lavoratori per evitare il più possibile contatti nelle zone comuni (ingressi, spogliatoi, sala mensa), dedicando ove possibile una porta di entrata e una porta di uscita da questi locali e garantire la presenza di detergenti segnalati da apposite indicazioni.

  6. Spostamenti interni, riunioni, eventi interni e formazione.

    Gli spostamenti all’interno dell’azienda devono essere limitati. Non sono consentite le riunioni in presenza. Laddove queste fossero necessarie ed urgenti, nell’impossibilità di collegamento a distanza, dovrà essere ridotta al minimo la partecipazione necessaria e, comunque, dovranno essere garantiti il distanziamento interpersonale e una adeguata pulizia/areazione dei locali.
    Sono sospesi e annullati tutti gli eventi interni e ogni attività di formazione in modalità in aula, anche obbligatoria, anche se già organizzati. E’comunque possibile, effettuare la formazione a distanza, anche per i lavoratori in smart work. Il mancato aggiornamento della formazione professionale, dovuto all’emergenza in corso, non comporta l’impossibilità a continuare lo svolgimento dello specifico ruolo/funzione.

  7. Gestione di un caso sintomatico.

    Nel caso in cui una persona presente in azienda sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria come la tosse, lo deve dichiarare immediatamente all’ufficio del personale, si dovrà procedere al suo isolamento e a quello degli altri presenti dai locali. L’azienda avverte immediatamente le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il Covid-19 forniti dalla Regione o dal ministero della Salute. L’azienda inoltre collabora con le Autorità sanitarie, per la definizione degli eventuali contatti stretti di una persona presente in azienda che sia stata riscontrata positiva al tampone COVID19.

  8. Sorveglianza sanitaria/Medico competente/Rls.

    Vanno privilegiate, in questo periodo, le visite preventive, le visite a richiesta e le visite da rientro da malattia e la sorveglianza sanitaria non va interrotta. Il medico collabora con il datore di lavoro e le RLS/RLST.

  9. Aggiornamento del protocollo di regolamentazione.

    È costituito in azienda un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del Rls.

 

  Autrice Avv. Graziella Lapenta

Dal Fallimento alla Liquidazione Giudiziale

Le disposizioni del codice della Crisi dell’impresa e dell’insolvenza, contenuto nel D.Lg. 14/2019, entreranno in vigore il 14 agosto 2020, fatta eccezione per alcune norme già in vigore dal 30 marzo 2019, per snellire e aggiornare la legge fallimentare del 1942 e quella sul sovra-indebitamento che risale al 2012.

La Riforma si è attenuta ai principi dettati dalla Legge Delega 155/2017, quali: la sostituzione del fallimento con la liquidazione giudiziale, un modello processuale più celere per l’accertamento dello stato di crisi (intesa come probabilità di futura insolvenza), l’applicazione di suddetto modello a tutte le tipologie di debitore (esclusi gli enti pubblici), la semplificazione e l’uniformazione dei riti speciali in maniera concorsuale (in raccordo con le disposizioni sul processo civile telematico), la consegna delle notifiche unicamente tramite PEC, la riduzione dei costi delle procedure concorsuali e infine l’armonizzazione delle procedure di gestione di crisi del datore di lavoro con le misure di tutela dell’occupazione e del reddito dei lavoratori.

Il Codice della Crisi dell’Impresa e dell’Insolvenza non si limita a sostituire la vecchia terminologia o a soppiantare la legge fallimentare, ma implica il superamento del concetto di fallimento per sostituirlo con quello di liquidazione giudiziale, migrando così verso un’ottica di risanamento e prevenzione, in cui l’insolvenza non viene intesa al pari di una frode, ma come un evento che può verificarsi nella vita di un’impresa.

Powered by: Fweb Group