Quali sono le prospettive per le piccole e medie imprese in crisi?

Emergenza COVID-19: quali prospettive per le piccole e medie imprese in crisi?

 

Lo stato di crisi sanitaria da cui siamo stati travolti porta con sé, inevitabilmente, una serie di conseguenze nefaste anche sul piano economico, soprattutto per quello che concerne le piccole e medie imprese.
E’ infatti evidente che il blocco di numerosissime attività produttive, sancito dal Presidente del Consiglio dei Ministri con il DPCM del 22 marzo 2020, sta determinando una crisi di liquidità per le imprese nonché un crollo della domanda in moltissimi settori.
Occorre domandarsi cosa accadrà quando le medesime attività riapriranno i battenti e, pertanto, saranno chiamate a fare i conti con il proprio nuovo posizionamento sul mercato, la probabile necessità di rivedere l’organizzazione interna e l’esigenza di far fronte ad una serie di impegni economici, assunti in tempi e con prospettive molto diverse.
Il panorama che si preannuncia potrebbe essere quello di un considerevole numero di imprese insolventi e decotte, le quali, in base alla normativa vigente, sarebbero tenute ad avviare procedure di liquidazione e/o di ristrutturazione nell’interesse dei creditori e degli stakeholders o, nelle situazioni più gravi, a presentare istanza di fallimento.
Tali strumenti tradizionali, sebbene siano senz’altro utili in condizioni ordinarie di mercato, potrebbero risultare tuttavia inefficaci in una situazione di crisi ed insolvenza di portata globale come quella che stiamo vivendo oggi.

 

Alcune proposte concrete: sospendere le procedure concorsuali e “ibernare” le PMI

 

Sul punto, infatti, un recente studio della Conference of European Resctructuring and Insolvency Law (CERIL) suggerisce, tra le misure da attivare per evitare che l’improvvisa crisi di liquidità generalizzata si tramuti in una catena incontrollata di procedure concorsuali, la sospensione dei doveri legislativi di accesso a procedure di insolvenza nonchè l’adozione di norme che consentano di “ibernare” le piccole e medie imprese che presentano insufficienti flussi di cassa come conseguenza delle misure anti Covid-19, ad esempio mediante un rinvio delle scadenze contrattuali relative ai pagamenti ed una moratoria delle azioni esecutive dei creditori insoddisfatti.

 

Le misure già adottate in Italia

 

Allo stato attuale, il legislatore italiano ha adottato alcune misure in linea con lo studio del CERIL, come la sospensione dei procedimenti civili e penali, comprese le procedure esecutive (attualmente sospesi fino al 15 aprile 2020 per effetto del DL 18/2020), facendo salva la possibilità di chiedere la dichiarazione di urgenza nei casi in cui la ritardata trattazione “può produrre grave pregiudizio alle parti e quindi ai creditori” (art. 83 co. 3 lett. a).
Inoltre, con il DL 2 marzo 2020 n. 9 (art. 11), ha rinviato di 6 mesi (con conseguente entrata in vigore, quindi, al 15 febbraio 2021) gli obblighi di segnalazione della crisi d’impresa, previsti dal Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza D.Lgs. 14/2019, a carico degli organi di controllo e dei revisori legali nonché dei creditori pubblici qualificati.
Tali misure, sebbene opportune e rispondenti ad esigenze concrete ed attuali, paiono, tuttavia, ancora parziali e non sufficienti a far fronte alla situazione nella sua complessità.

 

Altri possibili fronti su cui intervenire

 

E’ auspicabile, quindi, l’adozione di provvedimenti dotati di maggiore impatto, come appunto quelli suggeriti dal CERIL e, peraltro, già assunti da parte di alcuni Stati (ad esempio Spagna, Germania e Svizzera); altre possibili misure, per quanto riguarda il nostro Paese, potrebbero essere la sospensione degli obblighi di ricapitalizzazione delle società, il rinvio tout court dell’entrata in vigore del Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza e la previsione di contributi a fondo perduto in luogo dei finanziamenti agevolati già stanziati dal DL 18/2020, che, per quanto utili nel breve periodo, potrebbero rivelarsi dannosi nella misura in cui l’indebitamento delle PMI dovesse subire un incremento insostenibile.
Solo con l’adozione in tempi rapidi di una normativa di settore completa ed esaustiva sarà possibile aiutare concretamente le imprese italiane a superare indenni la crisi e riavviare le rispettive attività non appena l’emergenza sanitaria sarà superata.

 

 

Autrice Avv. Luna Ambrosino

 

 

elena ferraris Autrice Avv. Elena Ferraris

 

 

CORONAVIRUS, LE AZIENDE RICONVERTONO LE PRODUZIONI

FOCUS: PRODUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI

Il decreto Cura Italia, DL n.18 del 17 marzo 2020 – “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e impresse connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo e soprannominato “Cura Italia” è ora in vigore.

GLI INCENTIVI

Uno degli aspetti rilevanti del decreto consiste in finanziamenti agevolati o contributi a fondo perduto destinati alle imprese produttrici di dispositivi medici e di protezione individuale. La domanda di ventilatori e respiratori per la terapia intensiva e di mascherine come le FFP2 e le FFP3, infatti, è in costante aumento e proprio per questa ragione il governo ha stanziato un fondo da 50 milioni di Euro per l’ampliamento o per la riconversione della produzione di tali dispositivi e la domanda per ottenere il finanziamento è compilabile tramite una procedura semplificata online sul sito di Invitalia. Gli aiuti di Stato sono stati autorizzati in meno di 48 ore dalla Commissione europea, in modo da consentirne un veloce utilizzo, nell’ottica di rafforzare le filiere produttive del paese e di contrastare l’emergenza Coronavirus.

DATI

L’obiettivo è il finanziamento di progetti che vanno da 200.000 a 2 milioni di Euro ed è stato impiegato un sistema di premiazione della velocità. Dal momento che i dispositivi servono urgentemente, i mutui a tasso zero destinati alla copertura del 75% del budget di spesa possono diventare a fondo perduto a seconda delle tempistiche di completamento dell’investimento.

Durante la prima giornata del procedimento online, lo scorso 26 marzo, le domande presentate sono state più di 90, mentre quelle in compilazione ma non ancora completate erano circa 350.

Finora il totale delle domande presentate è di 340, mentre quelle in compilazione sono 847. La maggioranza delle richieste arriva dal Sud e dalle Isole, circa il 50 per cento, ma il dato più interessante è quello che riguarda la tipologia delle domande: infatti solo il 23% è mirato all’ampliamento della produzione, mentre il restante 77% è destinato ad opere di riconversione dell’azienda al fine di diventare produttrice di dispositivi medici. (Dati aggionati al 31/03/2020 fonte Invitalia )

L’IMPEGNO DELLE AZIENDE

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono molte le aziende, dalle più grandi alle minori, che si sono impegnate nel sostegno allo Stato e alla popolazione nella lotta al Coronavirus, nei modi più svariati. Numerose sono state le donazioni alla sanità pubblica e alla Protezione Civile, e molti si sono adoperati per riconvertire la propria azienda in modo da fornire dispositivi medici o per crearne con stampanti in 3D.

GRANDI AZIENDE

La Siare Engineering, già azienda produttrice di ventilatori polmonari per la terapia intensiva, ha preso la decisione di annullare tutte le commesse destinate ai mercati esteri (il 90% del fatturato) per poter concentrare tutti gli sforzi sulla produzione di macchinari per l’emergenza italiana. Per aumentare la produzione dei dispositivi, l’azienda ha allungato i turni di lavoro ed è ricorsa all’aiuto di tecnici dell’esercito.

I colossi del settore automobilistico, Fca e Ferrari, insieme a Magneti Marelli metteranno i loro impianti emiliani e i loro dipendenti a disposizione della Siare per la produzione della componentistica e l’assemblaggio di nuovi respiratori polmonari necessari per i pazienti nelle terapie intensive, strategia intrapresa nei giorni scorsi anche da General Motors e Ford e ventilata anche da Tesla, che intende riaprire la sua Gigafactory di New York per produrre ventilatori polmonari appena sarà possibile.

Inoltre, molte aziende del settore tessile si sono dedicate alla produzione di mascherine. In Lombardia la Di-Bi, produttrice di abbigliamento sportivo, ha convertito completamente la produzione, per concentrarsi sulla creazione di una protezione in grado di bloccare le particelle di saliva e proteggere dal virus.

I big della moda non si sono risparmiati, con Gucci, Prada, Valentino, Ferragamo e molti altri in Toscana che hanno avviato la produzione e donazione di mascherine e camici per il personale sanitario, e il Gruppo Armani che oltre ai 2 milioni di donazioni alle strutture ospedaliere italiane e alla Protezione Civile, ha annunciato proprio il 26 marzo la conversione di tutti i suoi stabilimenti produttivi italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari impegnati a fronteggiare il COVID-19.

ALTRI ESEMPI DI SOLIDARIETA

Altre aziende, come il Fablab di Milano, hanno impiegato la loro strumentazione per la stampa in 3D per produrre componenti come il raccordo ipsilon per usare due caschi CPAP con singolo venturimetro o le Valvole di Venturi e un caso particolare è rappresentato dall’azienda Isinnova, che oltre a produrre componenti in 3D per le aziende ospedaliere, ha assistito il Dott. Favero nel brevetto di una maschera respiratoria d’emergenza riadattando una maschera da snorkeling già in commercio, nel tentativo di compensare la mancanza di maschere C-PAP ospedaliere per terapia sub-intensiva, che sta emergendo come concreata problematica legata alla diffusione del Covid-19. Le istruzioni per la produzione di tale maschera a partire da un modello di maschera per snorkeling di Decathlon è sul sito di Isinnova.

 

CERTIFICAZIONI

L’introduzione di mascherine e altri dispositivi medici prodotti da aziende non preposte però ha sollevato il problema della certificazione di conformità. Il decreto Cura Italia prevede che siano i laboratori del Tecnopolo biomedicale di Mirandola e quelli dell’ateneo di Bologna a testare le nuove mascherine facciali.

I laboratori ricevono richieste da parte di neoproduttori italiani ma anche di distributori italiani di dispositivi provenienti dall’estero e svolgono prove meccaniche e batteriologiche per determinare la conformità dei dispositivi destinati al personale medico sanitario, che devono rispettare le norme EN 14683 (performance e sicurezza) e UNI 10993 (biocompatibilità), ma anche dei dispositivi di protezione individuale di uso comune, come le FFP1, FFP2 e FFP3, che devono essere conformi alla norma EN 149.

Come previsto, i due enti sono stati sommersi dalle richieste negli ultimi giorni, soprattutto di chiarimento, ma si stanno adoperando per fornire il miglior servizio possibile, considerando che serve un minimo di otto giorni per il test di ogni prodotto.

CONCLUSIONI

Il numero di aziende italiane determinate a lavorare a fianco dello Stato per debellare l’emergenza COVID-19 cresce a vista d’occhio, tramite le attività descritte sopra, ma anche tramite donazioni economiche e di servizi preziosi. Per un’ulteriore elenco di aziende impegnate in svariati modi nella solidarietà contro il Coronavirus, clicca qui SOLIDARIETA’ CONTRO IL CORONAVIRUS

 

 

 

Carolina Tardito, autriceAutrice Carolina Tardito Baudin

Le nuove sanzioni del Decreto Legge 25 marzo 2020 n. 19: fino ad ora abbiamo scherzato?

In data 25.3.2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, con entrata in vigore il successivo 26 marzo, il Decreto Legge n. 19, finalizzato a mettere un po’ d’ordine nella mole di provvedimenti emergenziali emanati nelle ultime settimane ed altresì nei rapporti Stato – Enti Locali per la gestione dell’emergenza Covid-19.

Per quanto concerne gli aspetti punitivi, il provvedimento di cui sopra opera una depenalizzazione di fatto della condotta posta in essere da chi non ottempera ad una qualsiasi delle varie misure emergenziali adottate (a titolo esemplificativo le limitazioni alla circolazione delle persone e le chiusure delle attività commerciali e/o produttive), sostituendo alle sanzioni penali previste dall’art. 650 – Inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità C.P. quella amministrativa del pagamento di una somma da € 400,00 ad € 3.000,00 (aumentabile fino ad un terzo in caso di violazione commessa mediante l’utilizzo di un veicolo o raddoppiata in caso di violazioni reiterate).

L’art. 650 C.P. non viene pertanto depenalizzato, ma formalmente disapplicato in tutti i casi in cui l’inosservanza ha ad oggetto provvedimenti emanati in funzione della nota emergenza sanitaria.

Non solo. Per mezzo di una norma intertemporale, la nuova sanzione amministrativa viene applicata “anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in  vigore  del  presente decreto”, con un robusto sconto della metà.

La maggior parte dei procedimenti penali sorti a seguito delle contestazioni effettuate fino al 25 marzo incluso non avranno pertanto seguito, scaturendo in una trasmissione degli atti da parte delle Procure della Repubblica alle Autorità alle quali viene attribuito il potere sanzionatorio (nella maggior parte dei casi le Prefetture).

A tal fine pare opportuno sottolineare come beneficino degli effetti della depenalizzazione contenuta nel Decreto Legge coloro i quali abbiano autocertificato (o autocertifichino in futuro) ragioni di spostamento veritiere, ma non giustificate ai sensi dei provvedimenti in vigore all’epoca del controllo, e non coloro i quali abbiano reso (o rendano) dichiarazioni mendaci ad un Pubblico Ufficiale, autocertificando pertanto false ragioni (fattispecie ancora punibile ai sensi dell’art. 495 C.P.).

Continua a costituire reato, ovviamente, anche la condotta di chi, risultato positivo al virus SARS-CoV-2 e dunque sottoposto alla misura della quarantena, si allontani dalla propria abitazione.

 

CONCLUSIONI

 

E’ evidente come, con l’atto normativo in esame, si sia voluto sostituire l’effetto deterrente di un procedimento penale con quello (in Italia forse maggiormente incisivo) connesso all’irrogazione di una sanzione pecuniaria o di quella accessoria della chiusura della propria attività (prevista per un periodo da 5 a 30 giorni in caso di violazione delle misure concernenti la chiusura delle attività stesse), sgravando in questo modo le Procure italiane da decine di migliaia di potenziali nuovi procedimenti.

E’ però evidente anche il fatto che l’effetto deterrente di cui sopra – fondamentale in un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo – sia maggiormente efficace nei confronti dei soggetti meno abbienti, soprattutto nel momento in cui si permette il pagamento in misura ridotta previsto dall’art. 202 del Codice della Strada, secondo cui “il trasgressore è ammesso a pagare, entro sessanta giorni dalla contestazione o dalla notificazione, una somma pari al minimo fissato dalle singole norme. Tale somma è ridotta del 30 per cento se il pagamento è effettuato entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notificazione”.

In sede di conversione del Decreto Legge, che dovrà avvenire entro 60 giorni, si potrà forse contemperare meglio l’esigenza di “fare cassa” con quella di inibire il più possibile comportamenti che mettano a rischio la salute pubblica, cercando nel contempo di non sanzionare in maniera proporzionalmente più gravosa quei soggetti che hanno meno possibilità di ammortizzare gli effetti negativi delle misure emergenziali adottate.

 

 

  Autore Avv. Federico Caporale

Covid-19: prevenzione sui luoghi di lavoro

In data 14 marzo 2020, è stato sottoscritto dai sindacati ed associazioni di categoria il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”, che si pone l’obiettivo di evitare il blocco dell’operatività delle imprese in questa fase acuta di diffusione del coronavirus, garantendo allo stesso tempo la tutela della salute dei lavoratori.

 

Sono 13 i punti salienti.

 

  1. Informazione.

    Dovere di informazione dell’azienda verso i propri dipendenti e nei confronti di chiunque entri in azienda, circa le disposizioni delle Autorità, mediante consegna e/o affissione nel luogo di lavoro di depliants informativi circa:

  • L’obbligo di restare a casa con febbre oltre 37.5 e/o sintomi influenzali e conseguemente di allertare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria.
  • La consapevolezza e l’accettazione di non poter entrare o permanere in azienda e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo: sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, etc.
  • L’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e del datore di lavoro nel fare accesso in azienda, in particolare a mantenere la distanza di sicurezza, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene.
  • L’impegno ad informare il datore di lavoro di qualsiasi sintomo influenzale riscontrato durante lo svolgimento dell’attività lavorativa.

 

  1. Modalità di ingresso in azienda.

    Il personale, prima di entrare nella sede di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Se questa risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso, così come sarà precluso l’accesso a coloro che negli ultimi 14 giorni, abbiano avuto contatti con persone positive al Covid19 o provengano da zone a rischio.

 

  1. Modalità di accesso dei fornitori esterni.

    L’accesso di fornitori esterni deve essere regolato attraverso l’individuazione di procedure di ingresso, transito e uscita, con tempistiche e modalità predefinite. Laddove possibile, gli autisti dei mezzi di trasporto devono rimanere a bordo dei propri mezzi e non è consentito l’accesso agli uffici per nessun motivo. I trasportatori dovranno attenersi alla rigorosa distanza di un metro nello svolgimento delle attività di carico e scarico. Per fornitori/trasportatori e/o altro personale esterno occorre individuare/installare servizi igienici dedicati. E’ limitato anche l’accesso ai visitatori ad eccezione di quelli necessari (impresa di pulizie e manutenzione) che dovranno rispettare la regolamentazione aziendale.

 

  1. Pulizia e sanificazione in azienda.

    L’azienda assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago. Nel caso di presenza di una persona con COVID-19 all’interno dei locali aziendali, si procede alla pulizia e sanificazione dell’area secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute, nonché alla ventilazione dei locali. Va garantita la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse, con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti produttivi.

 

Il Decreto Legge del 17 marzo 2020, n.18, c.d. Cura Italia, prevede tra le misure volte a contrastare la diffusione del Coronavirus all’aart. 64, un credito d’imposta finalizzato alla sanificazione degli ambienti di lavoro. Il bonus sanificazione, è rivolto a soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, quindi a tutti quei datori di lavoro che sono tenuti a garantire la salubrità dei locali e degli strumenti di lavoro e sarà riconosciuto per il periodo d’imposta 2020 per una somma non superiore a 20.000 euro e fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro stanziati per l’anno in corso. Bisognerà attendere i decreti attuativi per conoscere i limiti applicativi dell’agevolazione ed eventuali restrizioni.

  1. Precauzioni igieniche personali.

    E’ obbligatorio che le persone presenti in azienda adottino tutte le precauzioni igieniche. L’azienda raccomanda la frequente pulizia delle mani e mette a disposizione idonei detergenti.

  2. Dispositivi di protezione individuale.

    Qualora l’attività lavorativa imponga una distanza interpersonale inferiore ad metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative è necessario l’uso delle mascherine e di altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici.
    E’ favorita la preparazione da parte dell’azienda del liquido detergente secondo le indicazioni dell’OMS.

  3. Gestione di spazi comuni (mensa, spogliatoi, aree fumatori, distributori di bevande e/o snack…).

    L’accesso agli spazi comuni, comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è contingentato, con la previsione di una ventilazione continua dei locali, di un tempo ridotto di sosta all’interno di tali spazi e con il mantenimento della distanza di sicurezza di 1 metro tra le persone che li occupano. Occorre provvedere alla sanificazione degli spogliatoi, nonchè alla sanificazione periodica e pulizia giornaliera con appositi detergenti dei locali mensa, delle tastiere dei distributori di bevande e snack.

  4. Organizzazione aziendale (turnazione, trasferte e smart work, rimodulazione dei livelli produttivi).

    Le imprese, limitatamente al periodo dell’emergenza Covid-19, potranno disporre la chiusura di tutti i reparti diversi dalla produzione o, comunque, di quelli dei quali è possibile il funzionamento mediante il ricorso allo smart working, o comunque a distanza. Si potrà procedere ad una rimodulazione dei livelli produttivi. Va assicurato un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti. E’ previsto l’utilizzo in via prioritaria degli ammortizzatori sociali o, se non fosse sufficiente, dei periodi di ferie arretrati e non ancora fruiti. Sono sospese e annullate tutte le trasferte e i viaggi di lavoro nazionali e internazionali, anche se già concordati o organizzati e altresì non sono consentite neanche le riunioni ad eccezione di quelle urgenti ma con un numero ridotto di persone e a un metro di distanza interpersonale.

  5. Gestione dell’ingresso-uscita dei lavoratori.

    Orari di ingresso/uscita scaglionati dei lavoratori per evitare il più possibile contatti nelle zone comuni (ingressi, spogliatoi, sala mensa), dedicando ove possibile una porta di entrata e una porta di uscita da questi locali e garantire la presenza di detergenti segnalati da apposite indicazioni.

  6. Spostamenti interni, riunioni, eventi interni e formazione.

    Gli spostamenti all’interno dell’azienda devono essere limitati. Non sono consentite le riunioni in presenza. Laddove queste fossero necessarie ed urgenti, nell’impossibilità di collegamento a distanza, dovrà essere ridotta al minimo la partecipazione necessaria e, comunque, dovranno essere garantiti il distanziamento interpersonale e una adeguata pulizia/areazione dei locali.
    Sono sospesi e annullati tutti gli eventi interni e ogni attività di formazione in modalità in aula, anche obbligatoria, anche se già organizzati. E’comunque possibile, effettuare la formazione a distanza, anche per i lavoratori in smart work. Il mancato aggiornamento della formazione professionale, dovuto all’emergenza in corso, non comporta l’impossibilità a continuare lo svolgimento dello specifico ruolo/funzione.

  7. Gestione di un caso sintomatico.

    Nel caso in cui una persona presente in azienda sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria come la tosse, lo deve dichiarare immediatamente all’ufficio del personale, si dovrà procedere al suo isolamento e a quello degli altri presenti dai locali. L’azienda avverte immediatamente le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il Covid-19 forniti dalla Regione o dal ministero della Salute. L’azienda inoltre collabora con le Autorità sanitarie, per la definizione degli eventuali contatti stretti di una persona presente in azienda che sia stata riscontrata positiva al tampone COVID19.

  8. Sorveglianza sanitaria/Medico competente/Rls.

    Vanno privilegiate, in questo periodo, le visite preventive, le visite a richiesta e le visite da rientro da malattia e la sorveglianza sanitaria non va interrotta. Il medico collabora con il datore di lavoro e le RLS/RLST.

  9. Aggiornamento del protocollo di regolamentazione.

    È costituito in azienda un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del Rls.

 

  Autrice Avv. Graziella Lapenta

Il Decreto Cura Italia

Con il Decreto-legge n. 18 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2020 ed in vigore da tale data, c.d. “Decreto Cura Italia”, il Governo ha emanato alcune misure a sostegno dell’economia (e del Servizio sanitario), nell’intento di contenere le ricadute negative che l’emergenza epidemiologica COVID-19 sta producendo sul tessuto socio-economico nazionale, impegnando risorse pubbliche per circa 25 miliardi di euro e mobilitando finanziamenti per circa 350 miliardi.

Il Decreto Cura Italia è l’atto ad oggi più articolato adottato nell’ambito della legislazione collegata all’emergenza COVID-19, ma è stato preceduto già da decine di provvedimenti governativi (17, secondo il Sole 24 Ore, tra Decreti-legge, Decreti del Presidente del Consiglio, ossia gli ormai noti DPCM, Decreti Ministeriali, Ordinanze, Circolari e Protocolli), per non menzionare le numerosissime ordinanze e i decreti adottati dalle varie Regioni, ed il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha già anticipato che ne seguiranno altri.

Come annunciato dallo stesso Premier, dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, nel corso della conferenza stampa di presentazione del provvedimento tenutasi lo scorso 16 marzo, l’obiettivo principale del Decreto è garantire liquidità a famiglie ed imprese nonché fornire sostegno al mondo del lavoro.

Qui di seguito proviamo a riepilogare brevemente le principali misure adottate a sostegno delle famiglie, delle imprese e dei lavoratori. 

MISURE FINANZIARIE E BANCARIE A SOSTEGNO DELLA LIQUIDITÀ

 

Tra le principali misure finanziarie e bancarie a sostegno della liquidità, segnaliamo:

  • la moratoria finanziaria straordinaria sui mutui e finanziamenti per le PMI (art. 56), che prevede, ad istanza dell’interessato, la sospensione fino al 30 settembre 2020 di linee di credito, mutui e finanziamenti (purché non classificati come deteriorati prima del 17 marzo 2020); tale misura si applica a tutte le imprese aventi sede in Italia che occupano meno di 250 persone ed il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro oppure il cui totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di euro;
  • il potenziamento del Fondo di garanzia PMI (art. 49), ad integrazione di quanto già previsto dal D.l. del 2 marzo 2020 n. 9 (art. 25), con l’ampliamento, per un periodo di 9 mesi, in favore delle PMI (come definite al punto precedente), delle possibilità di accesso alle garanzie del Fondo (per esempio, sono ammesse alla garanzia anche imprese che registrano tensioni con il sistema finanziario, purché non già classificate come in sofferenza o in stato di insolvenza, ed è consentita la garanzia su operazioni di rinegoziazione del debito); è, inoltre, innalzato a 5 milioni di euro l’importo massimo garantito ed è previsto l’avvio di una linea per la liquidità immediata (fino a 3.000 euro) con accesso gratuito e senza valutazione (che si affianca alle garanzie già attive senza valutazione sul micro-credito e sui finanziamenti di importo fino a 20.000 euro); l’importo massimo delle operazioni di microcredito è elevato a 40.000 euro; le disposizioni del Fondo sono estese al settore dell’agricoltura e della pesca e sono previsti incentivi per operazioni di investimento immobiliare nei settori turistico-alberghiero e delle attività immobiliari;
  • il supporto alla liquidità delle imprese non ammesse al Fondo di garanzia PMI (art. 57), con incentivi all’erogazione di finanziamenti da parte degli istituti di credito, tra cui la possibilità per Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. di supportare le banche, tramite specifici strumenti quali plafond di provvista e/o garanzie di portafoglio (c.d. loan by loan), anche di prima perdita (c.d. first loss) nonché la possibilità per lo Stato di concedere “controgaranzie” fino ad un massimo dell’80% delle esposizioni assunte da CDP S.p.A. e a condizioni di mercato; i requisiti e la procedura per la concessione delle predette garanzie saranno individuati con successivo decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, assicurando comunque complementarietà con il Fondo di garanzia PMI;
  • l’estensione del Fondo di solidarietà mutui “prima casa” (art. 54), per un periodo di 9 mesi, anche a lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano subito un calo apprezzabile del fatturato a causa dell’emergenza COVID-19 (occorre autocertificare di aver perso, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra tale data e la data della domanda, oltre il 33% del proprio fatturato rispetto all’ultimo trimestre 2019), senza necessità di presentazione dell’ISEE; ricordiamo che il Fondo di solidarietà è disciplinato all’art. 2, commi da 475 a 480, della L. n. 244/2007 e s.m.i. nonché dal regolamento attuativo D.M. n. 132/2010 e s.m.i. e che, con il D.l. del 2 marzo 2020 n. 9 (art. 26), il Governo ne aveva già esteso i benefici ai lavoratori che abbiano subito la sospensione dal lavoro o una riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni;
  • l’istituzione di un Fondo a sostegno del settore agricolo e della pesca (art. 78), al fine di assicurare la continuità aziendale delle imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura, per la copertura totale degli interessi passivi su finanziamenti bancari destinati  al  capitale  circolante  e  alla ristrutturazione dei debiti, per la copertura dei costi sostenuti per interessi maturati negli ultimi due anni su mutui  contratti dalle medesime imprese, nonché per l’arresto temporaneo dell’attività di pesca.

 

MISURE FISCALI A SOSTEGNO DELLA LIQUIDITÀ

Il Decreto Cura Italia prevede, inoltre, un intervento ad ampio raggio di congelamento dei versamenti di imposte e contributi, tanto in favore delle imprese quanto delle famiglie.

Qui di seguito una selezione delle principali misure fiscali.

 

Proroghe per tutti i contribuenti, persone fisiche e non:

 

  • miniproroga di tutti i versamenti fiscali nei confronti delle pubbliche amministrazioni, compresi i contributi previdenziali ed assistenziali ed i premi per l’assicurazione obbligatoria, scaduti il 16 marzo 2020, sino al 20 marzo (art. 60);
  • sospensione di tutti gli adempimenti tributari, diversi dai versamenti e diversi dall’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, con scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020; gli adempimenti sospesi potranno essere effettuati entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni; fanno eccezione solo gli adempimenti legati alla comunicazione dei dati degli oneri detraibili e deducibili della dichiarazione dei redditi precompilata (art. 62 co. 1 e 6);
  • sospensione dei versamenti con scadenza nel periodo dall’8 marzo 2020 al 31 maggio 2020, derivanti da cartelle emesse dagli agenti della riscossione, accertamenti esecutivi dell’agenzia delle Entrate, avvisi di addebito dell’Inps, atti di accertamento emessi dall’agenzia delle Dogane e atti di accertamento esecutivi emessi dagli enti locali; i versamenti sospesi si dovranno effettuare in unica soluzione entro il 30 giugno 2020 (art. 68);

Proroghe per i contribuenti esercenti impresa, arte o professione:

 

  • estensione della sospensione, già prevista dall’art. 8 del D.l. n. 9/2020 per il settore del turismo, in favore di altri soggetti e settori maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria (tra cui enti museali, organizzazioni sportive, ristoranti, servizi per l’infanzia, enti del terzo settore, ecc.) a prescindere dal volume d’affari, dei versamenti delle ritenute alla fonte operate in qualità di sostituti d’imposta, dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria sino al 30 aprile 2020 (per le organizzazioni sportive il termine è ulteriormente prorogato al 31 maggio 2020); i versamenti sospesi potranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 (30 giugno per le organizzazioni sportive) o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020 (giugno per le organizzazioni sportive) (art. 61 co. 2, 4 e 5);
  • sospensione dei versamenti relativi all’IVA in scadenza nel mese di marzo 2020 per soggetti e settori maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria, con versamenti da effettuarsi nei tempi e modi di cui ai commi 4 e 5 (art. 61 co. 3);
  • sospensione dei versamenti da autoliquidazione (Iva, contributi previdenziali ed assistenziali, ritenute alla fonte, trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, premi per l’assicurazione obbligatoria) in scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2020, per imprese, autonomi e professionisti con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro; i versamenti sospesi potranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 (30 giugno per le organizzazioni sportive) o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020 (art. 62 co. 2 e 5)

 

Ulteriori misure fiscali:

 

  • rinvio del pagamento dei contributi Inps per il lavoro domestico (Colf): per i datori di lavoro domestico, sono sospesi i termini per i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 maggio 2020; i pagamenti sospesi dovranno essere effettuati entro il 10 giugno 2020 (art. 37);
  • credito d’imposta per la sanificazione degli ambienti: è riconosciuto, a favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professione, un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute e documentate per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino ad un massimo di 20.000 euro; le disposizioni attuative sono affidate ad un successivo decreto (art. 64);
  • credito d’imposta per botteghe e negozi, riconosciuto a favore degli esercenti attività d’impresa, pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione di immobili rientranti nella categoria catastale C/1, relativo al mese di marzo 2020; il credito è utilizzabile in compensazione su F24 (art. 65);
  • credito d’imposta riconosciuto alle imprese che effettuino operazioni di cessione a titolo oneroso dei crediti deteriorati (sia di natura commerciale sia di finanziamento) (art. 55);
  • incentivi fiscali per erogazioni liberali volte a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus: sono detraibili dal reddito delle persone fisiche al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro (da inserire in Unico/2021) (art. 66);
  • menzione per chi non si avvale delle sospensioni per i versamenti: saranno previste, con successivi provvedimenti, forme di menzione per i contribuenti che sceglieranno di non avvalersi di una o più sospensioni dei termini di pagamento previsti (art. 71).

 

MISURE A SOSTEGNO DEL LAVORO

 

Importanti misure sono, inoltre, previste a sostegno del lavoro, sia al fine di ampliare il regime di applicazione degli ammortizzatori sociali sia allo scopo di sostenere le famiglie nella gestione dei figli a seguito della chiusura delle scuole o di familiari che necessitino di particolare assistenza.

Trattamenti di tutela, integrazione e solidarietà in caso di sospensione dal lavoro:

 

  • sospensione delle procedure di licenziamento: a decorrere dal 17 marzo e per 60 giorni (sino al 15 maggio 2020) è preclusa la possibilità di avviare procedure di licenziamento collettivo; sono, inoltre, sospese, nel medesimo periodo, le procedure pendenti avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020; è, infine, vietato al datore di lavoro il recesso dal contratto per giustificato motivo oggettivo sino alla scadenza del suddetto termine, indipendentemente dal numero dei dipendenti (art. 46);
  • estensione della cassa integrazione in deroga (CIGD) per tutti i lavoratori di imprese, anche quelle fino a 5 dipendenti, incluso il settore agricolo, quello della pesca ed il terzo settore, non coperte dagli attuali ammortizzatori sociali: il trattamento di integrazione salariale è riconosciuto per un periodo massimo di nove settimane, a decorrere dal 23 febbraio 2020 e limitatamente ai dipendenti già in forza alla medesima data (art. 22);
  • estensione della cassa integrazione ordinaria (CIGO), applicabile ai datori di lavoro privato da 5 a 50 dipendenti, con l’introduzione di una causale unica speciale, «emergenza Covid-19», per semplificare le procedure d’accesso, per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 di durata massima di nove settimane e comunque entro il mese di agosto 2020 (art. 19);
  • passaggio da cassa integrazione straordinaria (CIGS) a ordinaria (CIGO) per COVID-19 per i datori che alla data del 23 febbraio 2020 hanno in corso un trattamento di cassa integrazione straordinario, previa sospensione e sostituzione del trattamento di integrazione straordinario già in corso (art. 20);
  • assegno ordinario di solidarietà, in favore dei datori di lavoro che alla data del 23 febbraio 2020 hanno in corso un assegno di solidarietà e sono iscritti dal Fondo di integrazione salariale (Fis), per un periodo massimo di 9 settimane in sostituzione del trattamento in corso (art. 21);

Misure a sostegno di lavoratori con figli fino a 16 anni:

 

  • congedo speciale con indennità pari al 50% della retribuzione per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, i lavoratori iscritti alla Gestione Separata Inps e i lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni Inps, con figli fino a 12 anni (limite di età non applicabile in caso di gravi disabilità) rimasti a casa per la sospensione delle lezioni, a decorrere dal 5 marzo e per un periodo continuativo o frazionato non superiore a 15 giorni; il congedo è anche retroattivo (può essere chiesto dal 5 marzo e sostituire l’eventuale congedo parentale già fruito senza retribuzione); spetta in via alternativa solo ad uno dei due genitori; è cumulabile con l’estensione dei permessi retribuiti di cui all’art. 24, ma non con il bonus baby-sitting; è sottoposto alla condizione che nel nucleo familiare non  vi  sia  altro  genitore  beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore (artt. 23 e 25);
  • diritto di astensione dal lavoro senza indennità per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, con figli di età compresa tra i 12 e i 16 anni, per tutto il periodo di sospensione delle scuole; a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o che non vi sia genitore non lavoratore; con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro; beneficio cumulabile con altri congedi specifici (artt. 23 co. 6 e 25);
  • bonus baby-sitting, pari a 600 euro, fruibile, in alternativa al congedo speciale e per i medesimi soggetti beneficiari, per l’acquisto di servizi di baby-sitting; il buono è aumentato fino a 1.000 euro per i lavoratori dipendenti del settore sanitario (artt. 23 co. 8 e 25);
  • incremento dei permessi retribuiti ai sensi della L. 104/1992: chi assiste persone disabili potrà chiedere fino a 12 giorni in più di permesso sia nel mese marzo che di aprile (salve eventuali limitazioni del beneficio per il personale sanitario in caso di necessità del SSN (art. 24);

Altre indennità, premi e bonus:

 

  • indennità per le partite Iva, pari a 600 euro per il solo mese di marzo, spetta ai liberi professionisti titolari di partita iva attiva alla data del 23 febbraio 2020, ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione Separata Inps, nonché ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago (artigiani, commercianti, lavoratori dell’agricoltura), che non siano titolari di pensione e non siano iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, senza vincoli di reddito; l’indennità sarà erogata dall’Inps, su richiesta dell’interessato, e non concorrerà al reddito imponibile (le disposizioni attuative sono affidate ad un successivo decreto) (artt. 27 e 28);
  • bonus per i lavoratori stagionali del settore turistico e termale, pari a 600 euro per il solo mese di marzo, spetta nel caso in cui l’ultimo rapporto di lavoro sia terminato involontariamente (per licenziamento, recesso o decorrenza del termine) tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, a patto che non ricevano una pensione e che, al momento, non stiano lavorando come dipendenti; il medesimo bonus è fruibile anche dai lavoratori a tempo determinato del settore agricolo se nel corso del 2019 hanno lavorato in agricoltura per almeno 50 giorni; non è cumulabile con altre indennità (artt. 29 e 30);
  • bonus per i lavoratori dello spettacolo, pari a 600 euro per il solo mese di marzo, spetta ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni Lavoratori dello spettacolo, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo e reddito non superiore a 50.000 euro, a patto che, al momento, non stiano lavorando come dipendenti né siano titolari di pensione; non è cumulabile con altre indennità e non si applica ai percettori di reddito di cittadinanza ai sensi decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4 (art. 38);
  • diritto al lavoro agile fino alla data del 30 aprile 2020, per i lavoratori dipendenti disabili o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità, secondo le disposizioni di cui alla L. 22 maggio 2017, n. 81, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione (art. 39);
  • premio per i lavoratori dipendenti pubblici e privati esclusi dal lavoro agile, pari a non più di euro 100 per il mese di marzo 2020, da parametrarsi in base ai giorni lavorati nella propria sede nel mese in questione; non si applica ai lavoratori con reddito lordo superiore a 40.000 euro (art. 63);
  • istituzione del Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19, al fine di garantire  misure  di  sostegno  al  reddito  per  i lavoratori dipendenti e autonomi che hanno cessato, ridotto o sospeso  la  loro attività o il loro rapporto di lavoro volto  a garantire il riconoscimento di una indennità sulla base di uno o più decreti attuativi da adottare entro 30 giorni da parte del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e  delle  finanze (art. 44).

 

ALTRE MISURE

Il Titolo V del Decreto, intitolato “Ulteriori disposizioni”, contiene, infine, una miscellanea di misure, proroghe, previsioni operanti in vari settori, tra cui evidenziamo:

 

  • proroga della validità delle polizze RC auto di ulteriori 15 giorni, fino al 31 luglio: saranno pertanto valide per 30 giorni dopo la scadenza (art. 125);
  • proroga della validità dei documenti di riconoscimento e di identità sino al 31 agosto 2020 (non ai fini dell’espatrio) (art. 104);
  • erogazione di contributi alle imprese per la sicurezza e potenziamento dei presidi sanitari: è stanziato un contributo di 50 milioni di euro da erogare alle imprese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale (art. 43);
  • requisizioni di alberghi e macchinari: possibilità per i Prefetti di requisire in uso strutture alberghiere, ovvero altri immobili aventi analoghe caratteristiche di idoneità, per ospitarvi le persone in quarantena che non possano trascorrere tale periodo presso il proprio domicilio; le prestazioni saranno remunerate dalle Regioni con una somma di denaro a titolo di indennità (art. 6);
  • norme in materia di svolgimento delle assemblee di società: in deroga alle disposizioni del codice civile, il termine per la convocazione dell’assemblea ordinaria per l’approvazione del bilancio è prorogato a 180 giorni (anziché 120) dalla chiusura dell’esercizio sociale; è, inoltre, consentito, anche in deroga alle singole disposizioni statutarie, lo svolgimento delle assemblee con modalità telematiche e l’espressione del voto in via elettronica o per corrispondenza (art. 106);
  • proroga del referendum costituzionale: è prorogato il termine entro il quale è indetto il referendum confermativo della legge costituzionale per la modifica degli artt. 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari, fissando in 240 giorni dalla comunicazione dell’ordinanza che lo ha ammesso il termine per lo svolgimento del voto (art. 81);
  • proroga dei termini di presentazione e adeguamento bilanci e statuti del terzo settore: per le organizzazioni disciplinate dal Codice del Terzo settore (organizzazioni non lucrative di utilità sociale, le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale), i termini per l’approvazione dei bilanci e per l’adeguamento degli statuti al Codice del Terzo Settore sono prorogati al 31 ottobre 2020, anche in deroga alle previsioni di legge, regolamento o statuto (art. 35);
  • rimborsi di viaggi, eventi e contratti di soggiorno tramite voucher: le disposizioni di cui all’art. 28 del D.l. n. 9/2020, che prevedono il diritto al rimborso dei titoli di viaggio e dei pacchetti turistici mediante restituzione del prezzo versato o, a discrezione dell’Organizzatore, di un voucher del valore del prezzo versato della durata di un anno, sono estese, con decorrenza dall’8 marzo 2020, anche ai contratti di soggiorno (solo alloggio), ai contratti di acquisto della biglietteria per l’accesso a spettacoli, musei e altri luoghi della cultura, per i quali si sia verificata l’impossibilità sopravvenuta della prestazione a seguito delle misure adottate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica; è, inoltre, riconosciuto al viaggiatore il diritto di recedere senza penali per impossibilità sopravvenuta, con diritto, in via alternativa, a scelta dell’Organizzatore, ad un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore, al rimborso integrale dei pagamenti effettuati, detratte le adeguate spese sostenute dall’Organizzatore, o all’emissione di un voucher con scadenza minima di un anno; ogni trattamento più favorevole per il cliente è ammesso (art. 88).

Ai fini della piena attuazione di tutte le norme sopra illustrate non resta, quindi, che attendere l’adozione dei decreti attuativi mancanti, senza dimenticare, tuttavia, che il testo del Decreto-legge, seppure già in vigore, potrebbe subire modifiche in sede di conversione in legge; occorrerà, pertanto, rivalutare la portata di ciascuna disposizione all’esito della conversione in legge, che dovrà avvenire entro il 16 maggio 2020.

 

 

Trovate il testo completo del D.l. n. 18/2020 al seguente link: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

 

Per consultare, invece, il testo del D.l. n. 9/2020, il link è il seguente: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

 

Fonti:

Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana

Il Sole 24 Ore

Il Post

 

Autrice Avv. Luna Ambrosino

Autrice Avv. Alessandra Labanca

LEXCHANCE: DA OGGI ANCHE SU SKYPE!

Il periodo di restrizione e di grande limitazione conseguente alla pandemia da Coronavirus impone anche a noi professionisti il dovere di rispettare le prescrizioni generali e, ancor prima, di tutelare la salute di tutti i cittadini, nella speranza di una rapida guarigione del nostro Paese.

Per questa ragione, Lexchance, pur rimanendo operativa con tutto il suo team, ha deciso di:

  • consentire l’accesso ai locali dello studio per le ragioni di stretta necessità ed urgenza, al fine di evitare tanto gli spostamenti (che metterebbero a rischio la propria clientela), quanto i possibili contatti e/o contagi;
  • mantenere la reperibilità al numero di telefono di studio: 011-1911 5458
  • potenziare il proprio sistema di consulenza ed assistenza attraverso una nuova ulteriore reperibilità: Skype!

Da oggi, infatti, tutti i professionisti di Lexchance risponderanno su due nuovi canali della piattaforma Skype, dedicati uno al settore civile ed amministrativo: Dipartimento Civile, l’altro al settore penale: Dipartimento Penale.

In questo modo, ci sarà possibile rispondere a tutte le vostre domande, cercando di mantenere la stessa “confidenzialità” che connota da sempre il rapporto fiduciario cliente-professionista.

 

Coronavirus: cosa posso fare e cosa rischio.

E’ di ieri sera la notizia del blocco totale dell’Italia, decisione forte ma necessaria a mitigare la situazione di ormai dichiarata pandemia.

In questi giorni stanno circolando rapidamente vocali e notizie che, però, diffondono mala informazione in un crescendo clima di timore e confusione.

Ecco perché abbiamo ritenuto opportuno fare un po’ di chiarezza su alcuni aspetti, in particolare sui divieti e sulle sanzioni (che ricordiamo essere di carattere penale, alle quali si aggiunge la sospensione dell’attività per gli esercizi commerciali in caso di violazione) per chi contravviene alle regole che oggi ci impongono di stare a casa il più possibile.

 

Le tappe normative.

 

L’esigenza di contenimento della diffusione del contagio ha richiesto un intervento normativo per regolamentare la difficile situazione del nostro Paese, dettando chiare e precise disposizioni.

Con il D.L 23 febbraio 2020, n. 6 sono state emanate le “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”.

Il diffondersi del contagio e l’incremento di ricoveri e purtroppo decessi ha reso necessaria altresì l’emanazione di un successivo decreto che ha previsto, peraltro, la totale chiusura della “zona rossa”, e l’estensione delle limitazioni più drastiche (come, ad esempio, il divieto di circolazione in entrata ed in uscita dai confini della zona) ad una serie di province cuscinetto, c.d. “zona arancione”: nello specifico, quindi, tali limitazioni riguardavano i territori della Lombardia e delle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia.

E’ questo il decreto dell’8 marzo 2020, c.d. decreto “Coronavirus”, con il quale il Governo ha previsto l’adozione di misure stringenti al fine di evitare quanto più possibile i contagi da Covid-19, inserendo un novero di limitazioni personali che, per molti, sono state ritenute eccessive e/o inopportune.

Tra le limitazioni più drastiche previste dal decreto dell’8 marzo u.s. vi è senza dubbio la limitazione alla libertà di circolazione: sono infatti consentiti gli spostamenti sul territorio solo per necessità lavorativa, di salute, o di cura/custodia dei propri cari, fornendo un’autocertificazione che attesti le ragioni dello spostamento.

Tuttavia, anche nel compimento di queste attività consentite, così come di tutte le altre attività “normali”, ogni cittadino deve attenersi alle prescrizioni che valgono sull’intero territorio nazionale.

L’entrata in vigore di tale decreto ha gettato nel panico buona parte della cittadinanza delle zone coinvolte che, incapace di attenersi alle prescrizioni e di comprendere il significato profondo delle limitazioni imposte, ha deciso di violarne integralmente il contenuto: stazioni affollate e code ai centri commerciali ne sono state la prova evidente.

Per tale ragione, ed in virtù di una necessità di più ampio contenimento, allo scopo di limitare assembramenti e di scongiurare il rischio di ulteriore diffusione del contagio, il 9 marzo un ulteriore decreto ha ampliato la zona arancione a tutta l’Italia, rendendo così applicabili i divieti prima imposti a Lombardia ed alle 11 province della zona arancione, all’intero territorio nazionale.

Da quel momento è venuta meno ogni distinzione di gravità sul territorio nazionale, tutto considerato “zona protetta” come è stato definito.

Nella serata di ieri, con un discorso accorato all’intera popolazione, il Premier Conte ha reso nota la decisione del blocco totale, con chiusura di esercizi commerciali e attività, con alcune esclusioni  – come vedremo – ma ribadendo che alimentari, farmacie, servizi di pubblica utilità e alcuni esercizi commerciali precisamente indicati in un elenco potranno rimanere aperti (pur nel rispetto di regole e precauzioni generali).

 

I divieti.

 

Già con il decreto del 09.03 in estrema sintesi, l’emergenza sanitaria aveva determinato:

  • la sospensione di congressi, riunioni, meeting ed eventi sociali:
  • la sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli (con conseguente chiusura di cinema e teatri), sia in forma pubblica sia privata;
  • chiusura di pub, scuole di ballo, sale da gioco, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati (con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione);
  • la chiusura di musei e degli altri istituti e luoghi di cultura e di paesaggio;
  • l’obbligo per i gestori delle attività di ristorazione e bar di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro (con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione) e l’adozione di misure idonee a prevenire gli assembramenti di persone, obbligo che vale altresì per tutti gli esercizi commerciali;
  • la sospensione di eventi e competizioni sportive, fatte salve alcune eccezioni relative tuttavia ai livelli agonistici;
  • chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nonché delle scuole superiori e università (per ora fino al 3 aprile), con sospensione altresì dei viaggi di istruzione e degli scambi internazionali;
  • previsione di limitazioni nell’accesso presso presidi ospedalieri, con divieto di permanenza per gli accompagnatori presso i Pronto Soccorsi o limiti alle visite ai pazienti ricoverati presso strutture sanitarie;
  • la sospensione delle cerimonie religiose e civili, anche quelle funebri;
  • apertura dei luoghi di culto condizionata al rispetto delle medesime modalità degli esercizi commerciali con riguardo alla necessità di far rispettare la distanza interpersonale e l’assembramento dei fruitori.

 

Oltre alle limitazioni di cui si è già detto, si è imposta altresì la chiusura di tutte le attività commerciali (diverse dai negozi alimentari, le parafarmacie e le farmacie) alle 18.00.

 

Con la decisione assunta nella serata di ieri, le restrizioni sono ancora aumentate, fino al blocco totale di esercizi commerciali non essenziali (ad esempio negozi di abbigliamento e centri estetici, bar, etc..).

Per fare maggiore chiarezza, ripercorriamo insieme i nuovi divieti che in parte si aggiungono (con riguardo alle nuove chiusure imposte) e in parte sostituiscono le precedenti disposizioni (per quanto riguarda ad esempio gli orari di apertura dei bar):

  • sospensione delle attività commerciali al dettaglio, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità indicati nell’allegato 1 del decreto. E’consentita l’apertura quindi sia dei singoli negozi di alimentari sia dei supermercati (anche all’interno di centri commerciali, nei quali tuttavia saranno chiusi gli altri esercizi), di edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie, con il rispetto in ogni caso della distanza di sicurezza interpersonale;
  • sospensione delle attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), consentendo tuttavia la sola ristorazione con consegna a domicilio e la ristorazione nelle aree di servizio e rifornimento carburante sulla rete stradale, autostradale ed all’interno di stazioni ferroviarie e lacustri, aeroporti, ospedali;
  • sospensione delle attività dei servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetisti), con eccezione delle attività indicate nell’allegato 2 (es. le lavanderie possono rimanere aperte);
  • è garantita l’apertura dei servizi bancari, finanziari, assicurativi e l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agroalimentare;
  • potrà essere disposta la riduzione dei trasporti pubblici, garantendo in ogni caso i servizi minimi essenziali;
  • per le pubbliche amministrazioni è previsto il chiaro invito a consentire modalità di lavoro agile o, in caso di impossibilità, ad individuare le attività che non possono essere differite se le stesse devono essere eseguite in presenza;
  • indicazioni sono state fornite anche con riguardo alle attività produttive e professionali, con invito alla massimizzazione del lavoro agile, incentivi a ferie e congedi retribuiti, sospensione dell’attività di reparti non indispensabili per la produzione, assunzione di protocolli di sicurezza anti-contagio (con rispetto della distanza interpersonale ed adozione di strumenti di protezione individuale), sanificazione dei luoghi di lavoro, limitazione della compresenza di persone in spazi comuni.

 

Anche noi di Lexchance, già a partire da lunedì 9 marzo, abbiamo deciso di rispettare le indicazioni di cautela date dalle Autorità preposte (in particolare dal Ministero della Salute) e attivare modalità di colloqui e ricevimento clienti da remoto, così da limitare la permanenza in studio anche per i clienti e consentire il rispetto delle limitazioni di spostamento (ad esempio per clienti che provengono anche solo dalla cintura di Torino e che oggi, con le nuove limitazioni, non possono spostarsi).

 

Le sanzioni.

 

In caso di violazione, da parte degli esercizi commerciali, dei divieti imposti, è stata prevista innanzitutto ed in via automatica la sanzione della sospensione dell’attività.

L’obbligo del rispetto delle prescrizioni generiche, in ogni caso, vige anche per tutte le attività la cui apertura è consentita, compresi anche farmacie, parafarmacie e negozi alimentari, pena anche per loro la sospensione dell’attività in caso di violazione.

Oltre alle sanzioni per le attività commerciali, tuttavia, sono previste gravi e stringenti sanzioni anche per i privati che violino il disposto del decreto.

Vista la crescente gravità del fenomeno e le numerose violazioni si è ritenuto, infatti, di prevedere espressamente che, salvo che il fatto costituisca più grave reato, le violazioni saranno punite ai sensi dell’art. 650 c.p.

Chiunque violi, quindi, i divieti imposti con le attuali norme di contenimento rischia in primo luogo di essere accusato per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità ai sensi dell’art. 650 c.p., reato punito con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a euro 206,00.

Tuttavia è bene sapere che questa non è l’unico rischio penalmente rilevante al quale va incontro il trasgressore.

Sono fatti di cronaca episodi come violazioni della quarantena (con volontario allontanamento dal luogo imposto per ragioni ludiche) o violazioni delle limitazioni di orario, spostamento oltre i limiti territoriali imposti e analoghi fatti.

Ebbene, in quel caso si dovrà distinguere tra ipotesi colpose o dolose.

Nel caso in cui condotte colpose finiscano per rappresentare un pericolo per la salute collettiva, il trasgressore potrà vedersi contestare anche il più grave reato di cui all’art. 452 c.p. “Delitti colposi contro la salute pubblica” che sanziona con pene di gran lunga più elevate chiunque commetta per colpa il reato di epidemia (art. 438 c.p.) ovvero altri delitti contro l’incolumità, con una pena della reclusione che viene così elevata nel primo caso da uno a cinque anni.

Nel caso di persone che, poste in quarantena e quindi consapevoli di costituire un pericolo per la collettività in quanto infette o potenzialmente infette, il rischio è addirittura di vedersi contestati ben più gravi reati dolosi, dalle lesioni personali volontarie a salire (a titolo di dolo eventuale).

 

Le eccezioni consentite.

Gli spostamenti (che prima erano in entrata ed uscita dalla zona rossa nonché all’interno della Regione Lombardia e delle province indicate e oggi è da intendersi estesa a tutto il territorio nazionale) sono consentiti:

  • per comprovate esigenze lavorative;
  • per situazioni di necessità (quindi per l’esercizio di diritti primari, come l’acquisto di beni di prima necessità, l’accudimento di individui non autosufficienti come nel caso di nonni che accudiscano i minori mentre i genitori lavorano, la gestione quotidiana degli animali domestici, ..);
  • per comprovati motivi di salute;
  • per il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

 

In tal caso occorre sottoscrivere il modulo divulgato dal Ministero dell’Interno, che occorre portare sempre con sé in caso di allontanamento dal domicilio o dalla residenza, anche a piedi.

E’ bene tenere a mente l’obbligo di veridicità delle dichiarazioni.

Nel caso, infatti, di dichiarazioni mendaci si potrà essere indagati per “false dichiarazioni a un pubblico ufficiale” ex art. 495 c.p., punito nel caso di minore gravità con la pena della reclusione da uno a sei anni.

 

Link utili:

Dpcm 11 marzo:    https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/03/11/20A01605/sg

Modulo per autodichiarazione:    https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/modulo-autodichiarazione-17.3.2020.pdf

 

Autrice Avv.Valentina Dicorato

Autrice Avv.Chiara Luciani

Powered by: Fweb Group