IL SINISTRO NELLA PISCINA CONDOMINIALE E LA RESPONSABILITA’ DELL’AMMINISTRATORE.

16 Luglio 2021

La piscina condominiale.

La piscina condominiale, anche se non espressamente prevista tra i beni comuni dall’art. 1117 c.c. – comprendente alcuni beni in via meramente esemplificativa – è considerata, per la sua destinazione, un bene a servizio di una struttura condominiale e degli abitanti dell’edificio.

Ma di chi è la responsabilità se, durante l’utilizzo della piscina condominiale, si verifica un sinistro, che provochi delle lesioni, anche mortali? Il tema è stato affrontato di recente dalla sentenza della Cassazione del 19 maggio 2021, n. 13595.

La responsabilità in caso di sinistro e la sentenza della Cassazione 19/5/2021 n. 13595.

La sentenza 19/05/2021 n. 13595 prende in esame un sinistro occorso ad una minore rimasta incastrata nel foro ove vi era la pompa di aspirazione, posta sul fondo della piscina condominiale, e successivamente deceduta.

Nei primi due gradi di giudizio è stata affermata la responsabilità sia del Condominio che della società appaltatrice dei lavori di manutenzione ordinaria della piscina, con conseguente condanna al risarcimento danni ai familiari (madre e fratello) della vittima in via paritaria.

A seguito di gravame proposto dalla compagnia assicurativa del Condominio, la Suprema Corte, preliminarmente, ha affrontato il tema della custodia del bene individuando quali soggetti -pubblici o privati- che siano custodi di un bene coloro che:

  • hanno il possesso o la detenzione della cosa, in ragione della relativa disponibilità ed effettiva possibilità di controllo;
  • hanno obblighi di vigilanza, controllo e diligenza;
  • hanno l’onere di adottare tutte le misure idonee a prevenire ed impedire la produzione di danni a terzi, con lo sforzo adeguato alla natura e alla funzione della cosa e alle circostanze del caso concreto.

Nel caso della piscina, custode è certamente l’appaltatore, con riferimento all’appalto -conferito dal Condominio- del servizio continuativo e periodico di manutenzione.

La responsabilità da custodia è però anche configurabile in capo al Condominio.

Lo stesso è infatti un autonomo soggetto di diritto e, pertanto, risponde autonomamente quale custode dei beni e servizi comuni.

L’amministratore di Condominio ha il potere – dovere di provvedere non solo alla gestione e al controllo delle cose comuni, ma anche alla relativa custodia, col conseguente obbligo di vigilare affinché le stesse non rechino danni a terzi o agli stessi condomini.

Potere-dovere che si estende anche alla piscina condominiale, la cui gestione soddisfa esigenze collettive della comunità condominiale.

Lo stesso è inoltre obbligato ad adottare tutte le misure necessarie affinché le cose comuni non rechino pregiudizio, ed è di conseguenza responsabile dei danni derivanti dalle parti comuni dell’edificio e dagli accessori e pertinenze, ivi ricompresa la piscina condominiale.

Peraltro, nel caso in esame, l’amministratore e l’appaltatore erano consapevoli del pericolo rappresentato dalla grata in fondo alla piscina, ma:

– non lo avevano in alcun modo segnalato (ad esempio non era stato apposto alcun cartello o altri sistemi di avvertimento);

– non avevano destinato persone alla sorveglianza della piscina;

– non era stata disposta la chiusura dell’impianto.

Concustodia.

La Suprema Corte precisa che l’obbligo di custodia del Condominio e i corrispondenti poteri dell’amministratore non vengono meno nemmeno qualora siano appaltati a terzi lavori riguardanti le parti comuni dell’edificio condominiale, di norma ricorrendo in tal caso l’ipotesi della concustodia.

Il Condominio non ha pertanto potuto invocare la sola responsabilità della società appaltatrice, sussistendo anche in capo all’Amministratore l’onere di vigilanza e controllo.

 

 

  Autrice Avv. Elisa Macrì



Articoli correlati

LA TRUFFA TRAMITE “PHISHING”: COME RICONOSCERLA E COME REAGIRE.

Il phishing.   Il c.d. “phishing” è un particolare tipo di truffa in cui il truffatore […]

Leggi l'articolo

PILLOLE DI DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA ED ANTI-CORRUZIONE

“Convinti che la corruzione non sia più una questione locale ma un fenomeno transnazionale che […]

Leggi l'articolo
Powered by: Fweb Group