Quali sono le prospettive per le piccole e medie imprese in crisi?

3 Aprile 2020

Emergenza COVID-19: quali prospettive per le piccole e medie imprese in crisi?

 

Lo stato di crisi sanitaria da cui siamo stati travolti porta con sé, inevitabilmente, una serie di conseguenze nefaste anche sul piano economico, soprattutto per quello che concerne le piccole e medie imprese.
E’ infatti evidente che il blocco di numerosissime attività produttive, sancito dal Presidente del Consiglio dei Ministri con il DPCM del 22 marzo 2020, sta determinando una crisi di liquidità per le imprese nonché un crollo della domanda in moltissimi settori.
Occorre domandarsi cosa accadrà quando le medesime attività riapriranno i battenti e, pertanto, saranno chiamate a fare i conti con il proprio nuovo posizionamento sul mercato, la probabile necessità di rivedere l’organizzazione interna e l’esigenza di far fronte ad una serie di impegni economici, assunti in tempi e con prospettive molto diverse.
Il panorama che si preannuncia potrebbe essere quello di un considerevole numero di imprese insolventi e decotte, le quali, in base alla normativa vigente, sarebbero tenute ad avviare procedure di liquidazione e/o di ristrutturazione nell’interesse dei creditori e degli stakeholders o, nelle situazioni più gravi, a presentare istanza di fallimento.
Tali strumenti tradizionali, sebbene siano senz’altro utili in condizioni ordinarie di mercato, potrebbero risultare tuttavia inefficaci in una situazione di crisi ed insolvenza di portata globale come quella che stiamo vivendo oggi.

 

Alcune proposte concrete: sospendere le procedure concorsuali e “ibernare” le PMI

 

Sul punto, infatti, un recente studio della Conference of European Resctructuring and Insolvency Law (CERIL) suggerisce, tra le misure da attivare per evitare che l’improvvisa crisi di liquidità generalizzata si tramuti in una catena incontrollata di procedure concorsuali, la sospensione dei doveri legislativi di accesso a procedure di insolvenza nonchè l’adozione di norme che consentano di “ibernare” le piccole e medie imprese che presentano insufficienti flussi di cassa come conseguenza delle misure anti Covid-19, ad esempio mediante un rinvio delle scadenze contrattuali relative ai pagamenti ed una moratoria delle azioni esecutive dei creditori insoddisfatti.

 

Le misure già adottate in Italia

 

Allo stato attuale, il legislatore italiano ha adottato alcune misure in linea con lo studio del CERIL, come la sospensione dei procedimenti civili e penali, comprese le procedure esecutive (attualmente sospesi fino al 15 aprile 2020 per effetto del DL 18/2020), facendo salva la possibilità di chiedere la dichiarazione di urgenza nei casi in cui la ritardata trattazione “può produrre grave pregiudizio alle parti e quindi ai creditori” (art. 83 co. 3 lett. a).
Inoltre, con il DL 2 marzo 2020 n. 9 (art. 11), ha rinviato di 6 mesi (con conseguente entrata in vigore, quindi, al 15 febbraio 2021) gli obblighi di segnalazione della crisi d’impresa, previsti dal Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza D.Lgs. 14/2019, a carico degli organi di controllo e dei revisori legali nonché dei creditori pubblici qualificati.
Tali misure, sebbene opportune e rispondenti ad esigenze concrete ed attuali, paiono, tuttavia, ancora parziali e non sufficienti a far fronte alla situazione nella sua complessità.

 

Altri possibili fronti su cui intervenire

 

E’ auspicabile, quindi, l’adozione di provvedimenti dotati di maggiore impatto, come appunto quelli suggeriti dal CERIL e, peraltro, già assunti da parte di alcuni Stati (ad esempio Spagna, Germania e Svizzera); altre possibili misure, per quanto riguarda il nostro Paese, potrebbero essere la sospensione degli obblighi di ricapitalizzazione delle società, il rinvio tout court dell’entrata in vigore del Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza e la previsione di contributi a fondo perduto in luogo dei finanziamenti agevolati già stanziati dal DL 18/2020, che, per quanto utili nel breve periodo, potrebbero rivelarsi dannosi nella misura in cui l’indebitamento delle PMI dovesse subire un incremento insostenibile.
Solo con l’adozione in tempi rapidi di una normativa di settore completa ed esaustiva sarà possibile aiutare concretamente le imprese italiane a superare indenni la crisi e riavviare le rispettive attività non appena l’emergenza sanitaria sarà superata.

 

 

Autrice Avv. Luna Ambrosino

 

 

elena ferraris Autrice Avv. Elena Ferraris

 

 



Articoli correlati

Lexchance non si ferma: con Donatella Mento pronta anche la sede di Brescia.

Dopo Torino e Roma, Lexchance apre anche a Brescia con l’integrazione dello studio dell’avvocato Donatella […]

Leggi l'articolo

Lexchance, Vittorio Aversano nuovo responsabile Head of IP & Brand Protection.

Lexchance rinforza il proprio organico con l’entrata di Vittorio Aversano in qualità di senior partner […]

Leggi l'articolo

Il caso “Booking.com” approda davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Con la sentenza n. 19-46 del 30 Giugno 2020 la Corte Suprema degli Stati Uniti […]

Leggi l'articolo

La ripartenza delle Pmi dopo la pandemia: la scommessa di start-up innovative e B-Corp

I dati incoraggianti che si stanno registrando in questi ultimi giorni sulla diffusione del Covid-19 […]

Leggi l'articolo

Minority Justice

Il nuovo evento in diretta Facebook tratterà il mondo dell’intelligenza artificiale. Parleremo infatti di come […]

Leggi l'articolo

TRE NUOVI INGRESSI PER LEXCHANCE

Lexchance annuncia l’ingresso di Nicolò Bussolati in qualità di Senior Associate, Francesca Aru in qualità di Of Counsel […]

Leggi l'articolo
Powered by: Fweb Group